laRegione
02.06.22 - 12:18
Aggiornamento: 15:54

‘L’aborto deve sparire dal Codice penale’, mobilitazione a Berna

Verrà depositata un’iniziativa per chiedere che sia considerato innanzitutto come un affare di salute e non come una questione penale

Ats, a cura de laRegione
l-aborto-deve-sparire-dal-codice-penale-mobilitazione-a-berna
Keystone
Manifestazione di protesta contro la ‘Marcia per la vita’, che viene organizzata regolarmente da gruppi conservatori cristiani che si oppongono all’aborto (Berna, 17 settembre 2016)

A vent’anni dall’introduzione della normativa che autorizza l’aborto in Svizzera nelle prime 12 settimane, Berna è oggi teatro di una mobilitazione indetta per domandare di rimuovere l’interruzione di gravidanza dal Codice penale. All’origine dell’evento vi è Salute sessuale Svizzera, che ha anche lanciato una Carta.

Nello scrutinio del 2 giugno 2002, il popolo approvò con il 72,2% dei voti a favore la nuova normativa sull’aborto. Per celebrare il ventesimo anniversario di quella giornata, la consigliera nazionale Léonore Porchet (Verdi/Vd), presidente di Salute sessuale Svizzera, depositerà un’iniziativa parlamentare per chiedere che l’aborto sia considerato innanzitutto come una questione di salute e non più come una questione penale, annuncia l’associazione.

La normativa votata vent’anni fa, nota come regime dei termini, ha dimostrato la sua efficacia, viene aggiunto. Essa permette alle donne incinte di interrompere legalmente la propria gravidanza e garantisce loro, nelle prime 12 settimane, di esercitare il diritto all’autodeterminazione.

Ostacoli e discriminazioni a livello finanziario

"Malgrado questo successo, permangono ostacoli e discriminazioni a livello finanziario oppure concernenti l’accesso alle prestazioni e a informazioni sufficienti e chiare", scrivono le organizzazioni poste sotto l’egida di Salute sessuale Svizzera. Le strutture ospedaliere – è la critica avanzata – rispondono ancora troppo poco ai bisogni, con un approccio spesso paternalista e stigmatizzante.

Inoltre, il fatto che l’interruzione di gravidanza rimanga iscritta nel Codice penale contribuisce a far perdurare la condanna morale di questa pratica, lamenta l’associazione. Durante l’odierna azione simbolica a Berna verranno quindi sventolati dei cartellini rossi contro gli articoli incriminati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
56 min
Governo: ‘bel regalo’ o ‘brutta sorpresa’, stampa divisa
La nomina di chi ha preso il posto di Simonetta Sommaruga fa discutere: i pro e i contro del mondo del giornalismo
Svizzera
16 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
18 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
19 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
20 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
20 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
22 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
22 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
23 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
1 gior
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
© Regiopress, All rights reserved