laRegione
02.06.22 - 10:00
Aggiornamento: 16:27

L’inflazione in maggio mai stata così alta dal 2008: 2,9%

Fra i fattori della crescita, l’aumento dei prezzi degli affitti delle abitazioni, dell’olio da riscaldamento e di molti prodotti alimentari

Ats, a cura de laRegione
l-inflazione-in-maggio-mai-stata-cosi-alta-dal-2008-2-9
Ti-Press

L’inflazione continua ad aumentare anche in Svizzera, seppur in modo per il momento ancora meno marcato che in altri Paesi: supera le aspettative degli esperti e raggiunge valori che non si vedevano da oltre un decennio. Stando ai dati pubblicati oggi dall’Ufficio federale di statistica (Ust), in maggio l’indice dei prezzi al consumo si è attestato a 104,0 punti, in progressione dello 0,7% rispetto ad aprile e con un incremento annuo del 2,9%, a fronte del +2,5% che era stato registrato nel mese precedente.

Il rincaro sta quindi puntando verso l’alto, confermando una tendenza che dura da aprile 2021: in quel mese era stata messa fine a una sequenza di quattordici mesi in calo, con il loro apice negativo in maggio e giugno 2020 (-1,3%). Il valore di maggio è anche il più elevato da più di tredici anni, cioè da quello (pure +2,9%) registrato nel settembre 2008. A titolo di confronto storico alcuni mesi del 1991 superarono il 6% e nel 1973 si videro valori superiori all’11%; per non parlare dell’agosto 1941, quando venne toccato il 17,7%.

I dati diffusi oggi sono superiori alle attese degli analisti, che scommettevano su un’inflazione annua compresa fra il 2,5% e il 2,7%.

Vista in un’ottica internazionale l’inflazione elvetica può inoltre essere considerata ancora relativamente limitata: a titolo d’esempio in Germania – secondo principale partner commerciale, dopo gli Usa – in maggio è salita al 7,9%. Per l’intera Eurozona l’ultimo dato è 8,1%, ai massimi dalla creazione della moneta unica. Negli Stati Uniti l’indice delle spese di consumo personali (personal consumption expenditures, Pce, il parametro valutato dalla Federal Reserve) ha invece rallentato in aprile al 6,3%, dopo il 6,6% di marzo.

Tornando nella Confederazione, secondo l’Ust la crescita di maggio rispetto ad aprile è riconducibile a vari fattori, tra cui l’aumento dei prezzi degli affitti delle abitazioni, dell’olio da riscaldamento e di molti prodotti alimentari. Sono invece diventati meno cari i prezzi nel settore paralberghiero.

Nel dettaglio, rispetto ad aprile i prezzi dei prodotti indigeni sono saliti dello 0,5%, quelli dei prodotti importati dell’1,1%. Su base annua i primi segnano +1,5%, i secondi +7,4%. Lo zoccolo dell’inflazione – che nella definizione dell’Ust è il rincaro totale senza quello concernente prodotti freschi e stagionali, energia e carburanti – ha mostrato variazioni pari a +0,5% (mese) e +1,7% (anno).

L’Ust calcola anche un indice dei prezzi al consumo armonizzato (Ipca), misurato con la metodologia in uso nell’Unione europea, con l’obiettivo di raffrontare i dati elvetici con quelli delle nazioni comunitarie. Visto da questa prospettiva maggio presenta un rincaro di +0,6% (mese) e di +2,7% (anno).

L’inflazione in Svizzera – come in vari altri Paesi – è stata per anni bassa o addirittura negativa: prendendo la sequenza 2014-2021, i tassi sono stati 0,0%, -1,1%, -0,4%, +0,5%, +0,9%, +0,4%, -0,7% e +0,6%. A partire dal 2021 è cominciata una fase di crescita.

Come noto l’efficacia dell’indice dei prezzi al consumo nell’illustrare il costo della vita percepito dai consumatori è peraltro spesso al centro di grandi discussioni. Questo è particolarmente vero in Svizzera perché, per motivi metodologici, il tasso calcolato dai funzionari di Neuchâtel non comprende i premi dell’assicurazione malattia di base, un punto di spesa che è spesso in forte progressione nei bilanci delle famiglie elvetiche. Il rincaro stabilito dall’Ust ha una grande importanza in vari ambiti: dalle negoziazioni salariali agli affitti, passando per la fissazione degli alimenti nell’ambito dei divorzi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
4 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
6 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
8 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
9 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
10 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
© Regiopress, All rights reserved