laRegione
02.06.22 - 08:27
Aggiornamento: 16:31

La segretaria di Stato Leu risponde alla Commissione Ue

In una lettera le risposte a Bruxelles sulla posizione della Svizzera nei confronti dell’Ue. L’accento sulla partecipazione ai programmi di ricerca

Ats, a cura de laRegione
la-segretaria-di-stato-leu-risponde-alla-commissione-ue
Keystone

La Segretaria di Stato Livia Leu ha risposto per lettera alle domande di Bruxelles sulla posizione della Svizzera nei confronti dell’Ue. La missiva dalla Commissione europea è stata resa pubblica in serata.

La Svizzera rispetta "l’omogeneità del mercato interno", si legge nella lettera, di cui ha riferito per prima la rivista "Nebelspalter". La Confederazione però non ha gli stessi diritti degli Stati membri dell’Ue, e questo deve essere preso in considerazione

Berna è pronta a passare da un modello statico a un modello dinamico, prosegue la lettera in riferimento all’adozione degli sviluppi del diritto comunitario. Anche in questo caso però bisogna considerare che la Svizzera non è uno Stato membro dell’Ue.

Nella lettera, Leu chiede anche la partecipazione di esperti svizzeri alla stesura di testi giuridici e per quanto riguarda la libera circolazione delle persone, chiarisce che Berna ha bisogno di eccezioni. In merito al ruolo della Corte di giustizia dell’UE (Cgue), la Svizzera riconosce che la Cgue ha "la competenza di interpretare il diritto dell’Ue", Leu però sottolinea che il meccanismo decisionale concreto deve far parte dei negoziati.

Partecipazione a programmi europei

La diplomatica elvetica insiste sulla necessità di garantire in futuro la partecipazione dei Paesi terzi ai programmi dell’Ue. Si riferisce principalmente al programma di ricerca dell’Ue "Horizon Europe", ma anche a "Erasmus plus", da cui la Svizzera è attualmente esclusa. Inoltre, Leu chiarisce che "la modernizzazione dell’accordo di libero scambio non fa parte del pacchetto proposto". Questo sovraccaricherebbe i negoziati.

Nella lettera, la Segretaria di Stato fa sapere alla Commissione europea di voler procedere rapidamente e chiede un incontro al più presto. La Commissione europea, da parte sua, ha confermato con un comunicato di aver ricevuto la missiva. Si è limitata a dichiarare che analizzerà le risposte.

All’inizio di maggio, la Commissione europea aveva inviato a Leu una lettera con domande precise allo scopo di chiarire la posizione della Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
16 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
17 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
17 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
19 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
19 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
19 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
19 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
19 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
23 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
© Regiopress, All rights reserved