laRegione
01.06.22 - 12:53
Aggiornamento: 17:35

La presa a carico delle malattie rare in Svizzera va migliorata

Lo ha deciso oggi il Nazionale adottando tacitamente una mozione degli Stati che chiede un coordinamento e finanziamento federale dei servizi offerti

la-presa-a-carico-delle-malattie-rare-in-svizzera-va-migliorata
Keystone

La Svizzera deve migliorare la presa a carico delle malattie rare. Lo ha stabilito oggi il Consiglio nazionale che ha tacitamente adottato una mozione degli Stati con cui si chiede al Governo di provvedere al finanziamento e al coordinamento a livello federale dei servizi offerti.

Più di mezzo milione di persone in Svizzera soffre di una malattia rara, ovvero tra il 5 e l’8% della popolazione, ha dichiarato a nome della commissione preparatoria Benjamin Roduit (Centro/Vs). Una patologia è considerata rara quando colpisce non più di 5 persone su 10mila. Oggi, in Svizzera, i pazienti devono spesso attendere anni prima di ottenere una diagnosi.

Un rapporto pubblicato di recente dimostra che il coordinamento tra i Cantoni non è possibile perché gli strumenti di pianificazione esistenti sono insufficienti. Oltre a ciò, l’alto grado di specializzazione richiesto rende poco pertinente l’organizzazione a livello cantonale.

La mozione mira a colmare le attuali lacune attraverso progetti di assistenza coordinata in reti, centri diagnostici e centri di riferimento per le malattie rare. L’obiettivo è anche quello di migliorare l’informazione alle persone colpite da questi morbi e di assicurare a lungo termine la fruizione del registro svizzero delle malattie rare.

La realizzazione di tali obiettivi avverrà in coordinamento con i Cantoni. Stando al ministro della Sanità, Alain Berset, esistono circa 900 diagnosi di malattie rare. Tuttavia, "benché si disponga di un registro, di linee telefoniche di aiuto, nonché di una piattaforma di offerte specializzate, dobbiamo ancora consolidare tutto questo".

Entro la fine del 2022 il Dipartimento federale dell’Interno dovrà esaminare se e come istituire una base giuridica per il finanziamento sussidiario delle attività di consulenza da parte delle organizzazioni di pazienti.

Nel frattempo, sempre nel corso della discussione in aula, la Camera del popolo ha adottato una mozione che chiede al Consiglio federale di creare una base legale per garantire a lungo termine i compiti dell’organizzazione "mantello" per le malattie rare, ProRaris, mediante contratti di prestazione.

Il Consiglio federale si è opposto a questa seconda mozione. Secondo Alain Berset, non ha senso limitarsi a un’unica organizzazione di pazienti. Il Consiglio degli Stati deve ancora pronunciarsi su quest’ultimo atto parlamentare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ecuador
44 min
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
1 ora
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
1 ora
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
1 ora
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
3 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
19 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
22 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
1 gior
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
1 gior
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
© Regiopress, All rights reserved