laRegione
31.05.22 - 13:18
Aggiornamento: 20:05

La Svizzera si prepara alla possibile carenza di petrolio

La Confederazione non acquista direttamente greggio dalla Russia, ma in caso di un embargo europeo risentirebbe del deficit

Ats, a cura de laRegione
la-svizzera-si-prepara-alla-possibile-carenza-di-petrolio
archivio Keystone

La Svizzera risentirà inevitabilmente della carenza di greggio russo nel caso di un embargo europeo. Le scorte obbligatorie di prodotti petroliferi dovrebbero tuttavia colmare i colli di bottiglia. Secondo un esperto le forniture non sono a rischio.

La Svizzera non acquista petrolio greggio direttamente dalla Russia. Tuttavia, quasi tre quarti delle vendite interne di gasolio e benzina dipendono da importazioni dall’Ue, scrive oggi l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese (Ufae) su richiesta dell’agenzia di stampa Keystone-Ats.

Secondo il sito web del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), i combustibili petroliferi e i carburanti per autotrazione rappresentano circa il 50% dell’energia consumata in Svizzera.

Scorte per quattro mesi e mezzo

Il Consiglio federale ha preso la decisione di principio di adottare le sanzioni dell’Ue contro la Russia dopo averle esaminate. Non appena il Consiglio dell’Unione europea avrà adottato il sesto pacchetto di sanzioni e i relativi testi giuridici saranno disponibili, il Consiglio federale se ne occuperà, ha fatto sapere la Segreteria di Stato dell’economia (Seco) rispondendo a una precisa domanda.

Secondo l’Ufae, è al momento difficile valutare quali sarebbero le conseguenze a lungo termine per l’approvvigionamento della Svizzera. Tutto dipenderà da fattori come la tempistica dell’embargo, le capacità di trasporto e l’eventuale aumento della produzione di greggio in altri Paesi.

Il mercato dovrebbe in ogni caso riorganizzarsi e fornire dei sostituti, scrive l’Ufae. I preparativi per un simile scenario sono in corso da tempo. In caso di grave carenza, la domanda di carburante per auto e di gasolio per riscaldamento sarebbe coperta dalle scorte obbligatorie per 4,5 mesi.

Diversi esportatori di petrolio

Secondo Fabian Bilger, vice direttore dell’associazione degli importatori di carburanti "Avenergy Suisse", l’approvvigionamento di prodotti petroliferi in Svizzera non è a rischio. L’adozione dell’embargo da parte della Svizzera non avrebbe un impatto immediato sulla raffineria di Cressier (Ne) o sulla situazione generale dell’approvvigionamento.

"Il petrolio può essere trasportato in vari modi, via nave, treno o oleodotto, e ci sono produttori in tutto il mondo", dice Bilger a Keystone-Ats. I singoli raffinatori dovranno affrontare sfide logistiche in caso di embargo, ma il mercato complessivo si saprà adattare.

Prezzi in salita

L’embargo petrolifero dovrebbe colpire più di due terzi delle forniture di petrolio russo all’Ue, ha annunciato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel durante un vertice a Bruxelles ieri sera. Secondo i diplomatici, su insistenza dell’Ungheria, per il momento saranno interrotte solo le forniture di petrolio via mare.

I prezzi del petrolio sono saliti oggi al livello più alto degli ultimi due mesi. Secondo gli agenti di borsa, il rialzo è dovuto alla dichiarazione della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, secondo cui le importazioni di petrolio verso l’Ue dalla Russia saranno ridotte di circa il 90% entro la fine dell’anno. Questo perché la Germania e la Polonia hanno già chiarito di non voler beneficiare dell’esenzione per gli oleodotti.

Secondo l’Ufae, la Germania è il principale fornitore della Svizzera, con circa il 44% delle fonti energetiche a base di petrolio importate in Svizzera. La quota maggiore proviene tuttavia dalle raffinerie della Germania occidentale, che lavorano poco o nulla il greggio russo, ha dichiarato Bilger di Avenergy.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
16 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
18 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
20 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved