laRegione
30.05.22 - 17:46
Aggiornamento: 18:12

Critiche alla riorganizzazione delle dogane: ‘No armi ai civili’

La commissione di sorveglianza parlamentare critica le tempistiche e le modalità della ristrutturazione e chiede che il Parlamento sia meglio informato

critiche-alla-riorganizzazione-delle-dogane-no-armi-ai-civili
Keystone

La riorganizzazione delle dogane solleva critiche. Alcune decisioni sono state prese ancor prima che la relativa legge sia stata adottata, mettendo il Parlamento di fronte al fatto compiuto. Questa la conclusione di una commissione di sorveglianza parlamentare pubblicata oggi.

L’Amministrazione federale delle dogane (AFD), recentemente rinominata Ufficio federale della dogana e della protezione dei confini (UDSC), sta attraversando una profonda trasformazione. Nel 2018 è stato lanciato il programma di semplificazione dei processi e di digitalizzazione DaziT, che sarà portato a termine nel 2026, mentre nel 2019 è stata decisa una riforma dello sviluppo organizzativo dell’unità amministrativa.

La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati (CdG-CS) ha esaminato diversi aspetti della riorganizzazione.

Per quanto riguarda la fusione tra l’Amministrazione federale delle dogane e il Corpo delle guardie di confine, la commissione rileva che "l’UDSC e il Dipartimento federale delle finanze (DFF), anticipando la prevista revisione della legge sulle dogane, hanno preso decisioni la cui opportunità è politicamente discutibile", si legge nel rapporto.

Parlamento raggirato

La nuova organizzazione risulterebbe problematica se il Parlamento si discostasse dal progetto del Consiglio federale, che potrebbe essere necessario rivedere sotto alcuni aspetti. Per la commissione, questa situazione non deve ripetersi. La libertà del legislativo non dev’essere ostacolata da misure di riorganizzazione già in atto.

In attesa dell’entrata in vigore della nuova legge, la commissione formula due raccomandazioni. I dipendenti civili delle dogane non devono portare armi e indossare uniformi. Entro lo stesso termine non andrebbero peraltro aumentati gli effettivi del personale di sicurezza con armi e uniformi autorizzato ad accedere a dati sensibili.

Migliori informazioni alle Camere

La commissione ritiene inoltre che la portata della riorganizzazione prevista non possa essere dedotta dal messaggio del Consiglio federale sul programma DaziT trasmesso al Parlamento nel 2017. Il Consiglio federale è pertanto invitato a informare i parlamentari in modo trasparente e più dettagliato.

Per quanto riguarda il personale, la commissione osserva che il processo di trasformazione è sostenuto da una chiara maggioranza. Tuttavia, dalle audizioni con i sindacati e gli ex dipendenti è emerso che la situazione all’interno della AFD era tesa e "probabilmente è ancora almeno in parte tesa", si legge nel rapporto. Le autorità avrebbero dovuto prestare maggiore attenzione all’accompagnamento del personale.

Il Consiglio federale è invitato a prendere posizione sul rapporto entro il 23 settembre 2022.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina/1
41 min
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
14 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
15 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
18 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
18 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
18 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
20 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
20 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
21 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
23 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
© Regiopress, All rights reserved