laRegione
cibi-per-bambini-troppo-dolci-troppo-salati-o-troppo-grassi
Keystone
29.05.22 - 16:15

Cibi per bambini: troppo dolci, troppo salati o troppo grassi

Il 94% dei prodotti destinati ai più piccoli in vendita in Svizzera non soddisfa i criteri dell’Oms per gli alimenti equilibrati da promuovere ai bambini

Quasi tutti i prodotti per bambini in vendita nei supermercati – il 94% – sono troppo dolci, troppo salati o contengono troppi grassi. È quanto emerge da un’indagine dell’Alleanza delle organizzazioni a protezione dei consumatori, che chiede un intervento.

L’indagine pubblicata oggi dall’Alleanza – che riunisce l’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI), la svizzero-tedesca Konsumentenschutz e la Federazione romanda dei consumatori (FRC) – si basa su un campione di 344 articoli venduti da Coop, Migros, Aldi e Lidl. Ogni prodotto è stato esaminato per verificare se soddisfa il profilo nutrizionale stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per gli alimenti sufficientemente equilibrati da promuovere ai bambini.

Almeno il 33% di zucchero

Dallo studio emerge che per quanto riguarda lo zucchero, i prodotti ne contengono in media almeno il 33% (non vengono invece menzionate cifre riguardo a sale e grassi). Sono stati inclusi tutti i prodotti da forno e lattiero-caseari, i cereali per la prima colazione, le bevande, gli snack ecc., con confezioni a misura di bambino destinate specificamente ai consumatori più giovani.

Il risultato è "catastrofico", sottolineano le organizzazioni dei consumatori, per i quali l’assunzione di quantità eccessive di zucchero è particolarmente problematica. L’industria alimentare sta mettendo a repentaglio la salute dei consumatori più giovani, sottolinea l’Alleanza.

Secondo un rapporto dell’OMS pubblicato all’inizio di maggio, il 23% dei bambini tra i 5 e i 9 anni in Svizzera è già in sovrappeso. Per il gruppo di età 10-19 anni, la percentuale è del 21%. Le cifre europee sono del 30% per i più giovani e del 25% per i (pre)adolescenti.

Altri dati (non ancora pubblicati) indicano che i due anni di pandemia hanno avuto un ulteriore impatto negativo in termini di sovrappeso tra i giovani, con conseguenze sia fisiche che mentali. I bambini in sovrappeso rischiano di rimanere tali anche da adulti e di soffrire prematuramente di diabete e malattie cardiovascolari.

Urgono misure

Sapendo che dei 344 prodotti esaminati solo 20 soddisfano i criteri dell’OMS, le tre organizzazioni riunite nell’Alleanza chiedono di intervenire. In particolare, chiedono che il "Nutri-score" – un sistema di etichettatura dei prodotti alimentari pensato per semplificare l’identificazione dei valori nutrizionali – sia reso obbligatorio su tutti i prodotti destinati ai bambini attraverso un imballaggio accattivante.

Inoltre, dovrebbe essere consentita solo la pubblicità di prodotti che soddisfano i criteri dell’OMS. D’altra parte, dovrebbe essere vietata qualsiasi allusione a benefici per la salute o alla nutrizione sana per i prodotti che non la rispettano.

Sarebbe inoltre auspicabile includere nella prossima revisione della legge sulle derrate alimentari che il Consiglio federale possa, se necessario, limitare il marketing rivolto ai bambini.

Infine, l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) dovrebbe chiedere all’industria alimentare di impegnarsi in modo vincolante e di fissare obiettivi che pongano la salute dei bambini al di sopra degli interessi economici.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cibi malsani oms svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
Svizzera
13 ore
Batosta in vista sui premi di cassa malati nel 2023
Secondo uno studio di Accenture, per coprire l’aumento dei costi della salute, in Ticino si prevede un balzo in avanti di circa il 10%
Svizzera
13 ore
Con la procedura agevolata centinaia di domande di cambio sesso
Con la riforma entrata in vigore a inizio anno per il cambiamento di sesso nel registro di stato civile non è più necessario passare da un giudice
Svizzera
15 ore
Dopo i problemi iniziali, i bipiano Ffs ora molto affidabili
All’inizio i convogli Alstom-Bombardier, il più grande appalto di sempre delle Ffs, avevano problemi di accessibilità e tecnici, in gran parte risolti
Svizzera
15 ore
Il presidente di ElCom ribadisce: possibili blackout in inverno
Werner Luginbühl, che presiede la Commissione federale dell’energia elettrica, accusa i politici di non aver ‘preso sul serio’ gli avvertimenti
Svizzera
15 ore
Maillard (Uss): disordini sociopolitici senza aumento dei salari
Il presidente dell’Unione sindacale svizzera paventa conseguenze disastrose per il mercato del lavoro e i consumi senza aumenti salariali
Svizzera
17 ore
Energia, in Svizzera aiuti economici ‘né necessari né utili’
Secondo Eric Scheidegger, capo della Direzione politica economica della Segreteria di Stato dell’economia, la Confederazione è meno colpita dal problema
Svizzera
1 gior
Povertà, in Svizzera poca differenza tra campagna e città
Sono colpite principalmente donne, famiglie monoparentali e persone con un basso livello d’istruzione
Svizzera
1 gior
Barbabietola da zucchero, previsto raccolto superiore alla media
Ha beneficiato di una primavera calda e secca. La coltura potrebbe però ridursi se nelle prossime non ci sarà sufficiente pioggia.
Svizzera
1 gior
Caldo, alluvioni... ecco come funziona il sistema di allerta
Nel caso degli avvisi meteorologici non tutti i livelli di pericolosità sono definiti per ogni fenomeno.
© Regiopress, All rights reserved