laRegione
27.05.22 - 14:52
Aggiornamento: 17:16

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione

Ats, a cura de laRegione
task-force-per-individuare-i-beni-russi-non-ce-n-e-bisogno
Keystone
Una veduta esterna di Palazzo federale

Il Consiglio federale non ritiene necessaria la creazione di una task force per localizzare, bloccare ed eventualmente confiscare i patrimoni degli oligarchi russi e bielorussi, come richiesto da una mozione del Partito socialista.

L’alto numero di segnalazioni e l’elevata quantità di beni congelati dimostrano che l’attuale sistema funziona, afferma l’esecutivo nella sua risposta in cui raccomanda di respingere la richiesta.

In Svizzera il coordinamento tra le autorità federali e le aziende private è ben consolidato ed efficiente. Le banche e i fornitori di servizi finanziari, ma anche le autorità, sono informati sull’attuazione delle sanzioni. La creazione di una task force non è quindi necessaria in questo momento, sottolinea il Consiglio federale, pur riconoscendo che "l’attuazione delle sanzioni in relazione alla situazione in Ucraina pone sfide in parte nuove ai servizi federali coinvolti".

La Svizzera è pronta a continuare ed eventualmente a intensificare la sua cooperazione con i partner internazionali nell’attuazione delle sanzioni contro la Russia, assicura il governo. Attualmente è allo studio un possibile contributo della Confederazione alla task force multilaterale per lo scambio di informazioni e il coordinamento delle misure in relazione alle sanzioni contro gli oligarchi russi (’Repo’).

Berna è stata invitata dalla Commissione europea a partecipare allo scambio tra gli Stati membri e altri Paesi terzi nella ‘Freeze and Seize Task Force’ per l’attuazione del congelamento dei beni. Finora si sono svolte tre riunioni a livello di esperti in materia e ne seguiranno altre. "La Commissione europea ha dichiarato esplicitamente di accogliere molto favorevolmente il contributo della Svizzera, Paese che contribuisce a rafforzare l’efficacia dell’applicazione delle sanzioni in tutta Europa", conclude il Consiglio federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni
I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
17 ore
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
17 ore
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
18 ore
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
19 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
19 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
19 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
20 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
22 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
1 gior
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
© Regiopress, All rights reserved