laRegione
ammettiamo-gli-studenti-degli-stati-terzi-fuggiti-dall-ucraina
Keystone
26.05.22 - 17:46
Ats, a cura de laRegione

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro

Gli studenti di Stati terzi che fuggono dall’Ucraina dovrebbero potersi iscrivere nelle alte scuole svizzere. Una cinquantina di professori universitari e di scuole universitarie professionali hanno firmato una petizione in questo senso inviata al Consiglio federale.

Il testo, intitolato "Apriamo le porte delle nostre università a tutti gli studenti in fuga dall’Ucraina, compresi quelli provenienti da Paesi terzi", è stato promosso dall’iniziativa Save Africans-Ukraine (aiuto agli africani d’Ucraina) dell’associazione "Causes Oubliées" (questioni dimenticate), basata a Sion. La Cancelleria federale ha confermato di averla ricevuta domenica scorsa, ha indicato l’organizzazione.

Il testo sottolinea che il futuro degli studenti di Stati terzi dipende dal proseguimento della loro formazione di qualità "alla quale, per la maggior parte, non hanno accesso nei loro paesi d’origine, e dalle decisioni delle nostre autorità". I firmatari invitano Svizzera ed Europa a mostrarsi solidali e ad aiutare questi studenti a completare la loro formazione per permettere loro di mettersi al servizio dei loro rispettivi paesi.

La petizione propone la creazione, a livello europeo, di un dispositivo ad hoc che permetta agli studenti in questione di proseguire la loro formazione nelle università e negli istituti europei.

Dal canto loro, le università di Zurigo, Ginevra e Losanna hanno annunciato di aver già ricevuto centinaia di candidature di rifugiati di nazionalità ucraina per seguire gli studi in qualità di ospiti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale russiaucraina studenti università
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Landquart, in fiamme un container abitativo. Arrestato un uomo
Fermato un marocchino 43enne per l’incendio alla struttura, utilizzata per sanzionare i residenti di altri centri di accoglienza
Svizzera
2 ore
Da Sempach un appello alla solidarietà con l’Ucraina
Dopo due anni d’attesa, torna in grande stile la commemorazione della battaglia. Con la presenza della ‘prima cittadina’ svizzera Irène Kälin
Svizzera
3 ore
Gas per tutti in inverno? Nessuno lo può garantire
La ministra dell’energia Simonetta Sommaruga non esclude che nella stagione fredda si vada incontro a difficoltà nell’approvvigionamento
Svizzera
5 ore
Quattro motociclisti feriti in tre incidenti sul Susten
Una settimana dopo il tragico sinistro costato la vita a due ticinesi, altro weekend da dimenticare sulla strada del passo tra i cantoni Uri e Berna
Svizzera
6 ore
‘I fronti in Ucraina continueranno a inasprirsi’
Ne è convinta la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter, secondo cui ‘la situazione potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno’
Svizzera
6 ore
‘L’iniziativa contro l’acquisto degli F-35? Un errore’
Erich Fehr, presidente della piattaforma social-liberale ‘I socialisti liberali nel Ps svizzero’ critica la linea del partito
Svizzera
8 ore
Con Lugano, la Svizzera preserverà la sua immagine di ‘leader’
Ne è convinto Nicolas Bideau. Secondo cui la Conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina è un evento ‘compatibile’ con la neutralità
Svizzera
11 ore
Nel 2022 più donne nei Cda delle grandi aziende
Nelle cento maggiori società svizzere quotate in borsa la loro percentuale è passata dal 25,4% al 28,5%
Svizzera
1 gior
‘Putin vattene’. E ancora, ‘Liberate l’Ucraina, e la Russia’
Manifestazione per le strade di Ginevra per chiedere la cessazione del conflitto ucraino e per uno scambio di prigionieri
Svizzera
1 gior
Torna in funzione il reattore numero 1 di Beznau
Dopo una revisione di due mesi, la centrale di Döttingen ha ricevuto luce verde da parte dell’ispettorato federale della sicurezza nucleare
© Regiopress, All rights reserved