laRegione
non-piace-a-berna-l-idea-di-una-tredicesima-dell-avs
Keystone
‘Non ci sono margini di manovra’
25.05.22 - 13:24
Ats, a cura de laRegione

Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs

‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.

L’iniziativa popolare per una tredicesima mensilità Avs non piace al Consiglio federale, che oggi si è schierato ufficialmente contro il testo. L’esecutivo ritiene infatti che non vi sia alcun margine di manovra finanziario per il versamento di una rendita di vecchiaia supplementare.

L‘iniziativa, la cui denominazione ufficiale è ’Vivere meglio la pensione (Iniziativa per una 13esima mensilità Avs)’, chiede che tutti i beneficiari di una rendita di vecchiaia abbiano diritto a un supplemento annuo pari a un dodicesimo della loro rendita. Esso non dovrà comportare la riduzione delle prestazioni complementari né la perdita del diritto alle medesime.

Con l’attuale meccanismo di adeguamento delle rendite Avs all’evoluzione dei prezzi e dei salari, esse sostituiscono una parte del reddito conseguito in precedenza più bassa per ogni generazione rispetto a quella prima. Le richieste di migliorare le prestazioni sono dunque comprensibili, ammette il Consiglio federale.

Iniziativa costosa e iniqua

Tuttavia, rimarca il Governo, queste prestazioni supplementari peggiorerebbero ulteriormente la situazione finanziaria dell’assicurazione, poiché genererebbero nuove spese pari a circa 5 miliardi di franchi nel 2032. Un importo che corrisponde a circa 0,8 punti percentuali dei salari o a 1,1 punti percentuali Iva. Già con l’ordinamento vigente, secondo le prospettive, l’Avs registrerà un deficit di ripartizione di circa 4,7 miliardi di franchi fra dieci anni.

Secondo l’esecutivo, il versamento di una tredicesima rendita provocherebbe inoltre ingiustizie. I beneficiari di una rendita d’invalidità o per superstiti sarebbero infatti penalizzati rispetto ai pensionati, anche nell’ambito delle prestazioni complementari. Una disparità che il Consiglio federale ritiene problematica: propone pertanto al Parlamento di raccomandare a popolo e cantoni di respingere il testo.

Riforma già in corso

Il governo ribadisce di puntare sulle riforme della previdenza per la vecchiaia in corso, tese a mantenere il livello delle prestazioni dell’Avs e della previdenza professionale obbligatoria e ad assicurare l’equilibrio finanziario del 1° e del 2° pilastro.

La riforma concernente la stabilizzazione dell’Avs (Avs 21), su cui i cittadini voteranno il 25 settembre, è volta a garantire il finanziamento dell’assicurazione e il livello delle prestazioni per il prossimo decennio, evidenzia il Consiglio federale. In base al progetto, l’età di pensionamento sarà armonizzata a 65 anni sia per gli uomini che per le donne.

Per le donne prossime al pensionamento ciò sarà accompagnato da misure compensative. Per generare entrate supplementari si procederà a un aumento dell’Iva. Inoltre, il passaggio dalla vita professionale alla pensione sarà reso più flessibile e potrà essere effettuato gradualmente tramite la riscossione parziale della rendita. Chi lavorerà oltre i 65 anni avrà la possibilità di colmare eventuali lacune contributive e migliorare così la propria rendita.

In conclusione, il Consiglio federale afferma di voler puntare su un miglioramento mirato della previdenza per la vecchiaia degli assicurati con redditi modesti invece che su un costoso ampliamento delle prestazioni per tutti. A tal fine si prevede di rendere la previdenza professionale obbligatoria accessibile anche ai lavoratori con gradi d’occupazione e redditi bassi. La riforma Lpp 21 è attualmente discussa in Parlamento.

Leggi anche:

In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale iniziativa popolare tredicesima avs
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Landquart, in fiamme un container abitativo. Arrestato un uomo
Fermato un marocchino 43enne per l’incendio alla struttura, utilizzata per sanzionare i residenti di altri centri di accoglienza
Svizzera
2 ore
Da Sempach un appello alla solidarietà con l’Ucraina
Dopo due anni d’attesa, torna in grande stile la commemorazione della battaglia. Con la presenza della ‘prima cittadina’ svizzera Irène Kälin
Svizzera
4 ore
Gas per tutti in inverno? Nessuno lo può garantire
La ministra dell’energia Simonetta Sommaruga non esclude che nella stagione fredda si vada incontro a difficoltà nell’approvvigionamento
Svizzera
6 ore
Quattro motociclisti feriti in tre incidenti sul Susten
Una settimana dopo il tragico sinistro costato la vita a due ticinesi, altro weekend da dimenticare sulla strada del passo tra i cantoni Uri e Berna
Svizzera
6 ore
‘I fronti in Ucraina continueranno a inasprirsi’
Ne è convinta la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter, secondo cui ‘la situazione potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno’
Svizzera
6 ore
‘L’iniziativa contro l’acquisto degli F-35? Un errore’
Erich Fehr, presidente della piattaforma social-liberale ‘I socialisti liberali nel Ps svizzero’ critica la linea del partito
Svizzera
9 ore
Con Lugano, la Svizzera preserverà la sua immagine di ‘leader’
Ne è convinto Nicolas Bideau. Secondo cui la Conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina è un evento ‘compatibile’ con la neutralità
Svizzera
11 ore
Nel 2022 più donne nei Cda delle grandi aziende
Nelle cento maggiori società svizzere quotate in borsa la loro percentuale è passata dal 25,4% al 28,5%
Svizzera
1 gior
‘Putin vattene’. E ancora, ‘Liberate l’Ucraina, e la Russia’
Manifestazione per le strade di Ginevra per chiedere la cessazione del conflitto ucraino e per uno scambio di prigionieri
Svizzera
1 gior
Torna in funzione il reattore numero 1 di Beznau
Dopo una revisione di due mesi, la centrale di Döttingen ha ricevuto luce verde da parte dell’ispettorato federale della sicurezza nucleare
© Regiopress, All rights reserved