laRegione
il-consiglio-federale-ha-inizialmente-sottovalutato-il-covid
Matthias Michel, presidente Comm. gestione agli Stati a sinistra, e Prisca Birrer-Heimo, presidente Comm. gestione al Nazionale
24.05.22 - 15:18
Aggiornamento: 16:36
Ats, a cura de laRegione

‘Il Consiglio federale ha inizialmente sottovalutato il Covid’

È la posizione delle commissioni Gestione in un rapporto divulgato oggi. Eccessivo il peso del Dipartimento dell’interno rispetto agli altri dipartimenti

Nelle prime settimane dell’emergenza sanitaria, il Consiglio federale ha sottovalutato la potenziale durata della pandemia di Covid-19. Al governo è inizialmente sfuggita la portata globale della crisi, rimproverano le commissioni della Gestione (CdG) delle Camere federali in un rapporto divulgato oggi.

La conseguenza di questa scarsa lungimiranza è stata che i provvedimenti di gestione della crisi sono stati elaborati per diverse settimane in seno ai vari dipartimenti in modo non coordinato. In particolare, quello dell’Interno (DFI) ha avuto un’influenza "preponderante".

Esso ha assunto la condotta dei tre principali organi di crisi: l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), lo Stato maggiore federale Protezione della popolazione (SMFP) e lo Stato maggiore di crisi del Consiglio federale per la gestione della pandemia da coronavirus (SMCC). Questi due ultimi organi trasversali, che implicano più di un dipartimento, hanno avuto un ruolo troppo sussidiario. Una situazione non certo adeguata, criticano le commissioni parlamentari nel documento, che si concentra sul periodo fra gennaio e giugno 2020.

Task force UFSP in prima linea

In fin dei conti, è stata la task force dell’UFSP che si è ben presto ritrovata in prima linea ad affrontare l’emergenza, il che non era previsto. Questo team, messo in piedi rapidamente a fine gennaio 2020, ha fatto il meglio possibile durante la prima ondata, ha evidenziato il consigliere agli Stati Marco Chiesa (UDC/TI) durante una conferenza stampa odierna a Berna nella quale alcuni parlamentari hanno presentato le conclusioni del rapporto.

"La gestione del personale ha però rappresentato un punto debole", ha proseguito il ‘senatore’ ticinese, dato che responsabilità e competenze non erano abbastanza chiare. Dal rapporto emerge come l’ufficio sia stato confrontato con una mole di lavoro senza precedenti e sia finito nel bel mezzo dell’attenzione pubblica e politica. Molti dipendenti hanno dovuto lavorare la notte e il weekend per parecchi mesi e a ciò si aggiungono gli avvicendamenti avvenuti in tre posizioni chiave, non da ultima quella di direttore.

Bilancio agrodolce

D’altro canto, secondo le commissioni l’SMFP non ha svolto i compiti che ci si aspettava. Per ragioni definite poco comprensibili, è rimasto nell’ombra della task force dell’UFSP. Un punto che il Consiglio federale è chiamato ad approfondire. Pure l’SMCC non si è incaricato di gestire la crisi come avrebbe dovuto. Istituito in ritardo, si è accontentato di fungere da organo d’informazione e di coordinamento.

Complessivamente, la Svizzera ha superato in modo soddisfacente la prima ondata pandemica, ma il bilancio resta in chiaroscuro. I tre principali organi di crisi federali hanno infatti mostrato diverse lacune e su svariati punti l’organizzazione si è ampiamente discostata dalle strutture previste, constatano le CdG. Sotto molti aspetti insomma il virus ha colto alla sprovvista le autorità federali, che si sono mosse troppo lentamente.

"I mesi di gennaio e febbraio avrebbero probabilmente dovuto essere utilizzati per progettare un’organizzazione di crisi funzionante", ha dichiarato davanti ai media il consigliere agli Stati Daniel Fässler (Centro/AI). La critica comunque si rivolge alle strutture in generale e non a singole persone, ha puntualizzato Chiesa.

Rivedere l’organizzazione

Le commissioni domandano ora al governo di fare autocritica, tracciando un bilancio per rispondere alle osservazioni e alle undici raccomandazioni formulate nelle 133 pagine di rapporto. La relazione dovrà anche stabilire un concetto per l’organizzazione delle future crisi ed esaminare una revisione delle basi legali. Un postulato e una mozione sono stati depositati in questo senso.

A livello di gerarchie, "il Consiglio federale deve riflettere sul ruolo dei direttori degli uffici in tempo di crisi", ha detto Chiesa. Le commissioni sollecitano inoltre a rivedere le esercitazioni tenute in passato, in quanto le autorità non sono sembrate preparate in maniera ottimale ad affrontare un’emergenza come quella del Covid-19.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissioni gestione consiglio federale coronavirus ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
diplomazia
3 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
4 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
4 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
7 ore
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
7 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
7 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
8 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
9 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
11 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
12 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
© Regiopress, All rights reserved