laRegione
la-pandemia-ha-acuito-le-diseguaglianze-di-genere
Keystone
C’è chi ne ha risentito di più
23.05.22 - 14:43
Aggiornamento: 16:03
Ats, a cura de laRegione

La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere

Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio

Le conseguenze della pandemia si sono fatte sentire in modo particolarmente grave sulle donne, soprattutto in impieghi legati a cure e accudimento dei bambini. È quanto emerge da un bilancio della situazione stilato dalla Commissione federale per le questioni femminili (Cfqf).

L’analisi, effettuata da Büro Bass, si è concentrata sull’impatto delle misure restrittive come la chiusura degli asili nido e delle scuole o l’obbligo del telelavoro sugli uomini e sulle donne. In generale, proprio le donne si sono fatte maggiormente carico dell’accudimento dei bambini e hanno ridotto la loro attività professionale.

Il telelavoro ha poi creato conflitti per quel che riguarda la conciliabilità, soprattutto dove l’home office non era regolamentato e bisognava occuparsi dei figli mentre si lavorava.

In Svizzera è stato possibile mantenere numerosi posti di lavoro nonostante la crisi pandemica, ma in alcuni settori l’occupazione è comunque diminuita. Un esempio su tutti sono la ristorazione e il ramo alberghiero. I problemi hanno colpito anche numerose strutture ad alta quota femminile, come parrucchieri e saloni di bellezza, che hanno spesso ricevuto meno aiuti.

Il coronavirus ha però colpito soprattutto gli ambiti con dipendenti completamente esclusi dagli aiuti, come il personale domestico, costituito per quasi il 90% da donne, spesso con un reddito molto basso e uno status di soggiorno incerto.

Misure concrete

Secondo l’analisi, risulta che la pandemia ha semplicemente acuito le diseguaglianze di genere perché le misure sono state adottate in un contesto di squilibri già esistenti. La Cfqf propone quindi un catalogo di misure per migliorare la situazione.

Secondo la Commissione, in primo luogo asili nido e scuole non dovrebbero chiudere durante una crisi, poiché altrimenti si pregiudica l’integrazione delle madri nel mercato del lavoro. Inoltre, in caso di telelavoro vanno definite condizioni quadro adeguate.

Oltre a questo, bisognerebbe introdurre il diritto dei genitori di ridurre il grado di occupazione alla nascita di un figlio, per riportarlo al livello originario in un secondo momento. Va poi promossa in modo mirato la riqualifica delle donne e valorizzato il lavoro a basso salario. Le prossime misure di crisi andranno poi progettate nel rispetto del genere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus diseguaglianze genere
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
diplomazia
11 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
12 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
13 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
15 ore
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
15 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
16 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
16 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
17 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
19 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
20 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
© Regiopress, All rights reserved