laRegione
principi-e-realta-la-migros-a-un-bivio
Keystone
Un lungo e complesso ‘processo di decisione democratica’ si concluderà tra due settimane
commercio al dettaglio
21.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 10:15

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.

Un "processo di decisione democratica", in salsa federalista, come tradizione vuole in Svizzera. Ma anche – e non poteva essere altrimenti: in gioco prima che principi e identità vi sono lauti profitti – una campagna marketing in grande stile. Per tentare di convincere che alla fine, qualsiasi sia l’esito della storica votazione, tutti avranno "un ottimo motivo per brindare", per "gioire": naturalmente con una nuova birra Migros, alcolica (‘Oui’) per gli uni e analcolica (‘Non’) per gli altri. Salute, dunque!

I 2,28 milioni di socie e soci della Migros (104mila in Ticino) hanno ancora due settimane di tempo (fino al 4 giugno) per dire la loro: possono votare, via posta o nelle filiali, per mantenere o abolire il quasi centenario divieto – voluto dal fondatore Gottlieb Duttweiler – di vendere bevande alcoliche nei negozi e supermercati della loro cooperativa regionale. È l’atto finale di un complesso iter, avviato poco meno di un anno fa da cinque delegati Migros. I risultati saranno resi noto verso la metà di giugno. Dal 2023 le filiali, i ristoranti e i take away delle cooperative che dovessero aver accettato il cambiamento con una maggioranza dei due terzi, e solo questi, potranno mettere negli scaffali vino, birra e superalcolici; in tutti gli altri, il divieto resterà in vigore. Nei primi la clientela potrà trovare in particolare la birra ‘Oui’ (alcolica), nei secondi la variante analcolica (‘Non’) della stessa birra.

Chi ci perde, chi ci guadagna

Non è una partita ‘win-win’, dove nessuno ha da perderci. Checché ne dica la Federazione delle cooperative Migros (Fcm), alla fine qualcuno ci rimetterà. E qualcun altro ci guadagnerà. Per le persone dipendenti da alcol, o che lo sono state, fa una differenza enorme. "Alla Coop o al Denner evito certi angoli. Perché so che lì ci sono alcolici che potrebbero invogliarmi all’acquisto", ha raccontato al ‘Blick’ un 67enne ex alcolista. "La Migros è un’isola protetta", dice un 45enne astemio da pochi mesi in un reportage andato in onda su radio Rts. Medici specialisti in dipendenze, psicologi, organizzazioni per la tutela della salute (come le oltre 40 riunite in seno all’Alleanza per la salute in Svizzera) concordano: l’offerta crea la domanda, e la Migros resta una zona sicura di grande importanza per coloro che – affrancatisi dall’alcolismo, o tuttora dipendenti – tentano faticosamente di riconquistare la propria quotidianità.

Anche per la stessa Migros fa una bella differenza. Gli svizzeri bevono in media più di 50 litri di birra all’anno, 31,5 litri di vino e 3,8 litri di distillati. Per il gruppo, poter vendere alcolici anche nelle sue filiali (oltre che online, come già fa; o ad esempio alla Denner, di sua proprietà) sarebbe alquanto conveniente: il fatturato lieviterebbe di circa 900 milioni l’anno, secondo ‘Le Temps’; l’ex direttore finanziario della Fcm Mario Bonorand conta su una crescita addirittura di 1,5-2 miliardi se il divieto fosse revocato.

Accaparrarsi una fetta del lucrativo commercio di alcolici in Svizzera (oggi dominato da Coop e Denner): è soprattutto questo che stuzzica l’appetito ai piani alti della Fcm e nelle regioni. Tutte le amministrazioni delle 10 cooperative regionali, quasi tutti i consigli di cooperativa regionali, così come l’amministrazione della stessa Fcm, si sono espressi a favore del cambiamento. La fronda interna è capitanata dall’ex direttore di Migros Herbert Bolliger e dall’ex capo-lobbista del gigante arancione Martin Schläpfer: assieme ad altri ex quadri, pensionati e no, hanno fondato il ‘Gruppo per i valori-M’. Secondo la ‘SonntagsZeitung’, Bolliger sarebbe stato tacciato di "traditore" a causa della sua battaglia per ‘salvare l’anima’ del marchio che ha diretto dal 2005 al 2017 (quando, detto en passant, si attirò l’accusa di traditore per ragioni opposte, dopo che Migros acquistò Denner, facendone la sua punta di diamante nella partita giocata con Coop sul mercato della vendita di alcolici…).

Pro e contro

Tutela della salute, sete di profitti: non sono le uniche argomentazioni addotte da contrari e favorevoli alla revoca del divieto. La questione scalda gli animi, dentro e fuori la Migros. Per i partigiani dello statu quo, si tratta di una questione di identità: molti si identificano con la Migros proprio perché non vende alcolici; intaccarne i valori fondanti – rimettere in discussione la volontà di ‘Dutti’ – sarebbe "mortale per la fiducia dei clienti" (Bolliger). Migros, per giunta, vende già alcolici al di fuori delle proprie filiali; estendendo l’offerta, si rischia di cannibalizzare in particolare Denner e di dover ridurre l’assortimento, oltretutto senza alcun guadagno di immagine in cambio.

I fautori della ‘rivoluzione’ controbattono: i tempi sono cambiati; lo stesso Duttweiler lo aveva ammesso già nel 1948, aprendo alla vendita di vino. Oggi ai loro occhi il divieto appare come "una paternalistica tutela della clientela", si legge sul sito web della Migros. È anche una questione di credibilità: "l’ipocrisia" di Migros, che non ha alcolici sugli scaffali dei suoi negozi ma li vende direttamente online e indirettamente grazie a Denner e Migrolino, non contribuisce certo a preservare la sua reputazione. Anziché aggrapparsi al "mito", sarebbe "più onesto" e "più credibile" abolire il divieto e "adattare i nostri statuti alla realtà", dichiara in un’intervista pubblicata sul sito della Migros Renata Georg, tra i cinque delegati che hanno avviato il dibattito. E poi la clientela preferisce acquistare tutto in un unico luogo, senza doversi recare altrove per procurarsi birra, vino o distillati.

Non è facile fare pronostici. Un sondaggio indica che una maggioranza degli svizzeri (non dei soci Migros, però) sarebbe contraria alla revoca del divieto. L’asticella però è posta in alto: raggiungere la maggioranza dei due terzi sarà tutt’altro che agevole. "Migros rischia uno scenario a macchia di leopardo", avverte il ‘Tages-Anzeiger’: alcune cooperative regionali potrebbero dire sì, altre no. "La Migros diventerebbe più complessa e più confusa", secondo Bolliger. Comunque non tanto – crediamo – da far rigirare Duttweiler nella tomba, come ha scritto il ‘Tagi’. O da impedire al ‘mitico’ Dutti di accomodarsi meglio nel suo sepolcro per gustarsi un buon bicchiere di vino. In ogni caso, Prost! Salute!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
birra divieto migros vendita vino votazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi
Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
2 ore
Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’
L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
6 ore
Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso
La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
6 ore
Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%
Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
8 ore
Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali
Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
20 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
21 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
22 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
1 gior
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
© Regiopress, All rights reserved