laRegione
20.05.22 - 14:57

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili

Ats, a cura de laRegione
pandemia-la-farmacia-dell-esercito-ha-rispettato-il-mandato
Keystone
Dividere le responsabilità avrebbe reso il tutto più difficile

Malgrado le forti limitazioni, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato di acquistare un numero sufficiente di maschere protettive. Gli errori commessi sono comprensibili, afferma il Consiglio federale in risposta a un rapporto della Commissione della gestione del Nazionale.

Fin dall’inizio sono state mosse critiche all’acquisto delle mascherine, affidato alla Farmacia dell’esercito: il loro prezzo eccessivo, la loro presunta scarsa qualità o le scorte eccessive. Al punto che l’anno scorso la consigliera federale Viola Amherd aveva commissionato un audit interno, che aveva sostanzialmente escluso qualsiasi sospetto di grave cattiva condotta da parte del Dipartimento della difesa (Ddps).

La Commissione della gestione del Consiglio nazionale non è dello stesso avviso. Fatica a capire "che Consiglio federale e Dipartimento della difesa non abbiano messo in discussione fin dall’inizio la decisione di affidare alla Farmacia un mandato di tale portata e per certi versi senza precedenti", aveva dichiarato in febbraio.

Attribuzione corretta

Il Consiglio federale ritiene che questa attribuzione sia stata corretta. A differenza di altre organizzazioni, la Farmacia dell’esercito dispone già della licenza commerciale necessaria per acquistare farmaci all’ingrosso.

Dividere le responsabilità tra varie organizzazioni avrebbe reso più difficile la loro definizione. Inoltre, avrebbe probabilmente portato a duplicazioni o ritardi nella consegna.

Controllo di qualità

La Commissione ha messo in rilievo anche una negligenza nel controllo di qualità. All’inizio della pandemia, l’attenzione si è concentrata sull’acquisto di mascherine piuttosto che sulla loro qualità, riconosce il governo. Le condizioni per un controllo di qualità approfondito e sistematico sono state poste nell’aprile 2020. In questo modo è stato possibile identificare i lotti difettosi.

Su richiesta della Commissione, il Consiglio federale è disposto a valutare se la Svizzera debba dotarsi di un organismo accreditato per il controllo della qualità delle maschere in caso di future ondate pandemie. Il Dipartimento federale dell’interno e il Dipartimento federale della difesa (Ddps) dovranno presentare una proposta in tal senso entro la fine del 2022.

Informazioni opache

La Commissione ha anche criticato le informazioni "insufficienti o poco trasparenti". Il Consiglio federale se ne rammarica, ma ritiene che il Ddps abbia comunicato nel modo più trasparente possibile dall’inizio della pandemia. Ha però dovuto fare attenzione a non mettere a repentaglio l’attività fornendo informazioni troppo rapidamente.

Inoltre – sottolinea il governo – in un mercato estremamente volatile e per non mettere a rischio le acquisizioni per il sistema sanitario svizzero, non è stato possibile fornire dettagli sulle acquisizioni e sulle condizioni finanziarie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
20 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved