laRegione
16.05.22 - 14:44

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo

Ats, a cura de laRegione
oro-di-origine-ignota-ong-svizzera-ricorre-al-tf
Keystone
Luiz Eloy Terena, Articulacao dos Povos Indigenas do Brasil, al centro, parla insieme a Maria Leusa Munduruku, Women’s Leader Munduruku, a destra, e Ana Carolina Alfinito, Amazon Watch / Alliance Volta Grande Xingu, durante una conferenza stampa organizzata dalla Società per i popoli minacciati sull’oro proveniente dal Brasile e le relative conseguenze per le popolazioni indigene e le richieste verso la Svizzera

La Società per i popoli minacciati (Gesellschaft für bedrohte Völker, GfbV) ha depositato un ricorso presso il Tribunale federale (TF) contro la decisione di fine marzo del Tribunale amministrativo federale (TAF), con la quale è stato stabilito che le quattro raffinerie d’oro elvetiche non sono tenute a rivelare l’origine del loro metallo prezioso. Secondo l’Ong, un successo di questo Appello modificherebbe fondamentalmente la pratica in materia e aiuterebbe la piazza aurifera svizzera a ottenere la trasparenza della quale ha urgentemente bisogno.

Da una decina di anni, l’organizzazione lavora affinché il commercio dell’oro in Svizzera sia circondato da meno ambiguità. Nel 2018 ha intrapreso una procedura presso le autorità doganali per poter identificare i fornitori delle più grandi raffinerie della Confederazione per il periodo 2014-17.

L’Amministrazione federale delle dogane ha inizialmente respinto tale richiesta, poi ci ha ripensato dopo una mediazione condotta dall’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) e ha ordinato la divulgazione delle informazioni. Le raffinerie hanno però fatto opposizione contro questa decisione, rivolgendosi al TAF.

Circa un mese e mezzo fa, i giudici di San Gallo hanno bocciato la domanda dell’Ong, invocando il segreto fiscale. Per la società però, la trasparenza fra produttore e consumatore sarebbe essenziale per mettere fine agli "affari sporchi" nel settore, si legge in un comunicato odierno. A suo avviso, sussiste dunque un interesse pubblico preponderante, visto che è importante sapere se l’oro importato è estratto in condizioni dignitose e rispettose dell’ambiente.

Gli importatori possono ormai nascondersi dietro il segreto fiscale e non devono rendere conto a nessuno dell’origine della materia prima e dei rischi a essa associati, lamenta l’Ong. Spetterà ora come detto al TF esprimersi sulla questione.

Vi è da ricordare come la Svizzera sia lo snodo più importante nel commercio internazionale dell’oro: due terzi del metallo prezioso mondiale vengono raffinati e lavorati qui. Da dove viene l’oro e in quali circostanze è stato estratto non è sempre chiaro. Il Consiglio federale si affida a misure volontarie da parte dell’industria per una maggiore trasparenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina
4 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
11 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
13 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
13 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
14 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
15 ore
Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi
Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
16 ore
I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset
Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
17 ore
‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’
Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
19 ore
Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada
Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
1 gior
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
© Regiopress, All rights reserved