laRegione
16.05.22 - 08:31
Aggiornamento: 14:45

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo

Ats, a cura de laRegione
il-si-a-frontex-segna-l-attaccamento-a-schengen
Keystone

Domenica sette svizzeri su dieci hanno detto "sì" a un maggiore sostegno a Frontex. Per la stampa questo voto segna soprattutto l’attaccamento a Schengen. Tuttavia, non si tratta di un assegno in bianco per l’istituzione europea, che dovrà essere riformata.

Frontex rafforza l’unità dell’Europa anche nella difesa contro l’aggressione russa al mondo libero, scrive un commentatore sulla "Neue Zürcher Zeitung", secondo cui le argomentazioni attiviste del comitato referendario non sono riuscite a fare presa sui votanti.

Proprio per il fatto che in passato Frontex ha commesso errori grossolani, comportamenti scorretti sottolineati nel corso della campagna in vista della votazione e che hanno portato addirittura alle dimissioni del capo dell’organizzazione, un miglioramento dell’agenzia si rende necessario, rileva il foglio zurighese.

Rischio di esclusione da Schengen

Secondo il "Tages-Anzeiger", la maggioranza dei votanti ha tenuto conto più del rischio di esclusione della Svizzera dall’area Schengen che di altri argomenti e ciò nonostante Ps e Verdi avessero ripetutamente affermato che questo pericolo non esisteva.

La Svizzera ha fatto bene a sostenere l’espansione di Frontex, scrive il commentatore del "Blick". Se il Paese vuole beneficiare della libertà di viaggiare e di una certa sicurezza, deve partecipare pienamente a questo progetto. Più Frontex cresce e di conseguenza riceve più fondi, più aumentano le sue responsabilità.

È indiscutibile che Frontex debba essere riformata, rileva la "Aargauer Zeitung", ma Ps e Verdi hanno commesso un errore lanciando il referendum, infatti neppure la loro base ha seguito le indicazioni di voto dei presidenti dei due partiti.

Gli oppositori ‘non sono riusciti a far passare i loro argomenti principali’

Il referendum contro il contributo svizzero di Frontex era animato da buone intenzioni. Ma ha avuto l’effetto opposto, secondo il portale di notizie watson.ch: ha infatti rafforzato la politica della linea dura in materia migratoria e ha cementato la "Fortezza Europa".

Le critiche a Frontex, ai suoi fallimenti e alla sua cattiva condotta nel trattare le persone che cercano aiuto alle frontiere esterne dell’Unione, sono state discusse in modo relativamente ampio durante la campagna in vista della votazione. Tuttavia, la maggioranza dei cittadini non vuole evidentemente mettere a repentaglio la cooperazione con l’Ue nell’area Schengen, sottolinea la "Srf".

Gli oppositori di Frontex non sono riusciti a far passare i loro due argomenti principali, rileva "Le Temps". I dogmatici hanno puntato su una totale abolizione di Frontex, mentre quelli più moderati invitavano a dire "no" all’Europa per aprire la strada a una Svizzera più umana.

Paura di un degrado delle relazioni con l’Ue

Il quotidiano friburghese "Liberté" osserva che i cittadini hanno voluto continuare a fare parte dell’area Schengen. In caso di vittoria del "no", la Svizzera sarebbe infatti stata minacciata di esclusione. Uno scenario del genere ha spaventato molti votanti, che temevano un ulteriore degrado delle relazioni con l’Ue dopo il fallimento dell’accordo quadro.

Anche "24 Heures"/"Tribune de Genève" sottolinea questo aspetto: Il risultato della votazione non costituisce un assegno in bianco. Il sì a Frontex è stato innanzitutto un impegno nei confronti di Schengen. I cittadini sanno cosa devono all’accordo, ovvero la libertà di viaggiare in Europa e la sicurezza oltre i propri confini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 min
Se la coda in autostrada fa perdere tempo... e soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
16 ore
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
17 ore
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
18 ore
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
21 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
21 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
21 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
1 gior
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
1 gior
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
1 gior
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
© Regiopress, All rights reserved