laRegione
12.05.22 - 17:27
Aggiornamento: 20:33

Diminuiscono a 6,3 miliardi i beni confiscati in Svizzera

Un mese fa il patrimonio congelato in relazione alle sanzioni contro la Russia per l’aggressione dell’Ucraina toccava i 7,5 miliardi di franchi

Ats, a cura de laRegione
diminuiscono-a-6-3-miliardi-i-beni-confiscati-in-svizzera
Keystone
Erwin Bollinger

Attualmente in Svizzera, in relazione alle sanzioni contro la Russia per l’aggressione dell’Ucraina, i patrimoni congelati ammontano a 6,3 miliardi di franchi, 1,2 miliardi in meno rispetto all’inizio di aprile. Quest’evoluzione è dovuta al fatto che fondi bloccati a titolo precauzionale sono stati sbloccati dopo verifiche.

Lo fa sapere il capo del campo di prestazioni Relazioni economiche bilaterali alla Segreteria di Stato dell’economia (Seco) Erwin Bollinger.

Il 7 aprile nella Confederazione erano congelati 7,5 miliardi di franchi. Da allora sono stati segnalati altri 2,2 miliardi. Allo stesso tempo, però, sono stati sbloccati 3,4 miliardi di franchi che erano stati congelati in via precauzionale. Ieri risultavano ancora congelati 6,3 miliardi e undici proprietà, fa sapere l’ambasciatore, sottolineando che le banche si sono dimostrate molto attive agendo precauzionalmente.

Blocco beni solo dopo attenta verifica

Dopo il blocco, in collaborazione con la Seco e le autorità estere, gli istituti di credito conducono "un’analisi approfondita" e decidono definitivamente se confermare la congelazione dei beni o se liberarli. Il mancato scongelamento dei patrimoni, in assenza di ragioni fondate, esporrebbe a procedimenti giuridici, precisa Lukas Regli, vicecapo del settore Sanzioni alla Seco.

Quest’ultima precisa in quali condizioni gli avvocati siano tenuti e quando no ad annunciare patrimoni potenzialmente oggetto delle sanzioni. L’iniziativa è stata presa autonomamente dalla Seco. Né la commissione Helsinki del Congresso e del Governo degli Stati Uniti, che la scorsa settimana ha accusato la Svizzera di negligenza, né attori interni hanno indotto la Segreteria ad agire.

«In linea di principio, gli avvocati hanno il dovere di assicurarsi di non contribuire alla violazione delle disposizioni sanzionatorie», spiega Regli. Non sono tenuti a informare le autorità quando esercitano la rappresentanza di un cliente in giudizio, ad esempio durante un procedimento penale. Devono invece annunciare i patrimoni qualora ad esempio dovessero operare come intermediari finanziari.

La Seco è giunta a questa conclusione consultando esperti dell’amministrazione. La situazione giuridica non è cambiata. Si tratta di un’analisi delle norme applicabili. «Per finire, però, solo un tribunale può decidere se sia il segreto professionale dell’avvocato o la legge sugli embarghi a prevalere», tiene a precisare Bollinger.

La Confederazione ha ricevuto segnalazioni da banche di piccole e grosse dimensioni, ma anche da assicuratori. Bollinger non è stato in grado di fornire informazioni sul numero di avvocati che hanno proceduto ad annunci. Collabora anche l’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini: indaga ad esempio sugli oggetti d’arte appartenenti a persone sanzionate nei depositi franchi doganali, che vengono poi bloccati.

Lunga permanenza dei profughi ucraini

È verosimile che i profughi provenienti dall’Ucraina rimangano in Svizzera più a lungo di quanto inizialmente previsto, non fosse altro che per i tempi necessari alla ricostruzione, afferma dal canto suo Gaby Szöllösy, segretaria generale della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali delle opere sociali (Cdos). Confederazione e Cantoni devono cominciare a prepararvisi. Si tratta di avviare un "dialogo aperto" sullo statuto di protezione S perché è inevitabile che sorgeranno domande sul finanziamento delle prestazioni statali.

Szöllösy ha sottolineato l’enorme mole di lavoro svolta dai Cantoni. In sei di loro la situazione è difficile per la mancanza di personale specializzato. Dopo una prima fase d’emergenza dove si trattava prima di tutto di fornire un tetto ai rifugiati, ora le autorità sono occupate in particolar modo dall’accompagnamento dei profughi (scolarizzazione dei bambini, corsi di lingua, formazione professionale, prestazioni sociali).

Abusi, casi isolati

In merito al sistema di distribuzione, che deve avvenire proporzionalmente alla popolazione dei cantoni, al momento c’è ancora un po’ di margine di manovra per eccezioni in casi di difficoltà. «Non vogliamo ricollocare persone che hanno già iscritto i loro figli a scuola». Sono possibili deroghe a determinate condizioni, se il Cantone interessato è d’accordo.

La Cdos ritiene che gli abusi, come la percezione di prestazioni dopo aver fatto ritorno in Ucraina, siano pochi. Sono comunque previsti controlli a campione nei cantoni più popolosi, dove il contatto diretto tra autorità e beneficiari dello statuto S sono impossibili.

Diminuisce il numero di profughi in arrivo

Il numero di nuovi rifugiati dall’Ucraina – finora ne sono stati registrati circa 51’000 – è in diminuzione: si contano dai 300 ai 500 arrivi al giorno. Entro l’autunno potrebbero giungere in Svizzera da 80’000 a 120’000 nuovi profughi, fa sapere David Keller, capo dello stato maggiore di crisi presso la Segreteria di Stato della migrazione. Nuove offensive militari russe potrebbero però far rivedere rapidamente queste stime.

Grazie al calo dell’afflusso, è stato possibile ridurre significativamente i tempi di elaborazione delle nuove domande ed è possibile iscriversi da un giorno all’altro. Dei 9’000 posti letto federali, circa la metà è disponibile da quindici giorni, evidenzia Keller.

Secondo Szöllösy attualmente ci sono almeno 7’600 posti disponibili nelle strutture cantonali e comunali. Il numero di posti in alberghi e ostelli ammonta a 38’000, oltre a 720 posti in appartamenti.

Leggi anche:

Profughi, criteri più severi per derogare all’assegnazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
18 ore
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
18 ore
Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina
Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
19 ore
Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo
Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
22 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
23 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
1 gior
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
1 gior
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
© Regiopress, All rights reserved