laRegione
omicidio-e-atti-sessuali-col-cadavere-13-5-anni-di-carcere
Keystone
I fatti risalgono al settembre di sei anni fa
11.05.22 - 19:40
Aggiornamento: 19:55
Ats, a cura de laRegione

Omicidio e atti sessuali col cadavere, 13,5 anni di carcere

Nuovamente alla sbarra il 38enne che nel 2016 uccise la coinquilina e abusò del corpo, questa volta è stato ritenuto penalmente capace

Uno svizzero di 38 anni che nel settembre 2016 strangolò a Zurigo la sua coinquilina e commise atti sessuali con il cadavere è stato condannato a 13,5 anni di carcere. Il tribunale distrettuale ha invece rinunciato all’internamento a vita dell’imputato.

La corte lo ha ritenuto colpevole di omicidio intenzionale e turbamento della pace dei defunti. Ha concesso alla madre e alle tre sorelle della vittima un risarcimento danni di complessivamente quasi 17’000 franchi e alla madre anche una riparazione morale di 20’000 franchi. Si aggiungono costi procedurali. La sentenza non è ancora passata in giudicato.

Il ministero pubblico aveva chiesto una pena detentiva di 18,5 anni e l’internamento dell’uomo, mentre l’avvocato difensore voleva l’assoluzione: il suo mandante ha agito per legittima difesa perché la donna lo aveva attaccato.

L’imputato, nato in Colombia e cresciuto in Romandia in una famiglia adottiva, beneficiario dell’Assicurazione invalidità, consumatore di eroina e affetto da gravi disturbi psichici, aveva subaffittato da tre mesi una camera del suo appartamento alla 28enne specialista di informatica trasferitasi per lavoro a Zurigo dalla Francia. I due avevano litigato a più riprese.

Nel 2018 il Tribunale distrettuale aveva dichiarato l’uomo penalmente incapace in relazione all’omicidio e deciso una misura terapeutica stazionaria. Per gli atti sessuali con il cadavere aveva ritenuto una scemata imputabilità e gli aveva inflitto 22 mesi di carcere. Il Tribunale cantonale ha confermato la sentenza, ma il Tribunale federale ha constatato gravi errori procedurali; così il caso è ritornato al ministero pubblico e ha dovuto essere nuovamente giudicato. Questa volta la corte ha ritenuto l’imputato penalmente capace.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
omicidio turbamento pace morti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 sec
Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali
Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
19 min
Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata
L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
36 min
Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare
La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
1 ora
Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo
L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
1 ora
Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede
È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
1 ora
La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni
Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
1 ora
La Confederazione si prepara a una penuria di gas
Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
Svizzera
2 ore
Identità elettronica, avviata la consultazione
Il Consiglio federale ci riprova: dopo il secco ‘no’ alle urne, propone un nuovo Id-e emesso che ‘garantirà la massima protezione dei dati’
Svizzera
4 ore
Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte
Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
4 ore
Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’
Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
© Regiopress, All rights reserved