laRegione
11.05.22 - 19:40
Aggiornamento: 19:55

Omicidio e atti sessuali col cadavere, 13,5 anni di carcere

Nuovamente alla sbarra il 38enne che nel 2016 uccise la coinquilina e abusò del corpo, questa volta è stato ritenuto penalmente capace

Ats, a cura de laRegione
omicidio-e-atti-sessuali-col-cadavere-13-5-anni-di-carcere
Keystone
I fatti risalgono al settembre di sei anni fa

Uno svizzero di 38 anni che nel settembre 2016 strangolò a Zurigo la sua coinquilina e commise atti sessuali con il cadavere è stato condannato a 13,5 anni di carcere. Il tribunale distrettuale ha invece rinunciato all’internamento a vita dell’imputato.

La corte lo ha ritenuto colpevole di omicidio intenzionale e turbamento della pace dei defunti. Ha concesso alla madre e alle tre sorelle della vittima un risarcimento danni di complessivamente quasi 17’000 franchi e alla madre anche una riparazione morale di 20’000 franchi. Si aggiungono costi procedurali. La sentenza non è ancora passata in giudicato.

Il ministero pubblico aveva chiesto una pena detentiva di 18,5 anni e l’internamento dell’uomo, mentre l’avvocato difensore voleva l’assoluzione: il suo mandante ha agito per legittima difesa perché la donna lo aveva attaccato.

L’imputato, nato in Colombia e cresciuto in Romandia in una famiglia adottiva, beneficiario dell’Assicurazione invalidità, consumatore di eroina e affetto da gravi disturbi psichici, aveva subaffittato da tre mesi una camera del suo appartamento alla 28enne specialista di informatica trasferitasi per lavoro a Zurigo dalla Francia. I due avevano litigato a più riprese.

Nel 2018 il Tribunale distrettuale aveva dichiarato l’uomo penalmente incapace in relazione all’omicidio e deciso una misura terapeutica stazionaria. Per gli atti sessuali con il cadavere aveva ritenuto una scemata imputabilità e gli aveva inflitto 22 mesi di carcere. Il Tribunale cantonale ha confermato la sentenza, ma il Tribunale federale ha constatato gravi errori procedurali; così il caso è ritornato al ministero pubblico e ha dovuto essere nuovamente giudicato. Questa volta la corte ha ritenuto l’imputato penalmente capace.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
consiglio degli stati
11 min
Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’
‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
3 ore
Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo
Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
6 ore
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
6 ore
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
13 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
21 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
22 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
22 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
1 gior
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
1 gior
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
© Regiopress, All rights reserved