laRegione
confermata-l-assoluzione-per-un-uomo-accusato-di-stupro
Keystone
Lo dice Mon Repos
11.05.22 - 16:05
Aggiornamento: 19:00
Ats, a cura de laRegione

Confermata l’assoluzione per un uomo accusato di stupro

Per il Tribunale federale, il mancato consenso non è sufficiente per pronunciare una condanna per coazione sessuale o violenza carnale

Il Tribunale federale (Tf) ha confermato l’assoluzione di un uomo accusato di stupro, poiché attualmente non esiste alcuna base legale per applicare il principio del "solo sì significa sì". Secondo la normativa attuale, il mancato consenso non è sufficiente per pronunciare una condanna per coazione sessuale o violenza carnale, scrive l’Alta Corte.

La coazione è un elemento costitutivo degli articoli 189 (coazione sessuale) e 190 (violenza carnale) del Codice penale svizzero. Per condannare qualcuno occorre che la vittima non sia consenziente, che l’autore del reato lo sappia o che accetti questa eventualità e che vada oltre approfittando della situazione, ad esempio esercitando pressioni psicologiche, o usando un mezzo efficace, come minacce o violenza, spiega il Tf.

Nel settembre 2020, il Tribunale correzionale del canton Ginevra aveva condannato l’uomo per coazione sessuale e violenza carnale, poi prosciolto in seconda istanza dalla Corte di appello e di revisione penale della Corte di giustizia. Il Tf conferma ora l’assoluzione.

Nel suo ricorso la donna ha invocato la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) e la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul). Quest’ultima prevede che il consenso debba essere dato volontariamente, quale libera manifestazione della volontà della persona, e deve essere valutato tenendo conto della situazione e del contesto. Secondo la ricorrente gli articoli 189 e 190 del Codice penale (Cp) dovrebbero quindi essere interpretati in modo da rendere punibile ogni atto sessuale non consensuale.

Il Tribunale federale sottolinea però che l’adeguatezza della formulazione dei due articoli del Cp "può rimanere indecisa" dato che la Convenzione di Istanbul non crea diritti soggettivi per la persona che lo invoca. Per quanto riguarda la giurisprudenza, la Cedu non esamina se il quadro legislativo in linea generale è sufficiente, ma se nel caso che le è sottoposto i fatti denunciati siano coperti dal quadro legislativo e se la vittima abbia potuto beneficiare di una protezione effettiva dei suoi diritti. Inoltre la Cedu non ha mai trattato un caso in cui era contestata unicamente l’assenza della formulazione del consenso nella legislazione.

Mon Repos sottolinea che l’interpretazione proposta dalla ricorrente omette la coazione, prevista invece dal diritto penale in vigore. Il principio di legalità ("nessuna sanzione senza legge") però impone di considerare questo elemento costitutivo degli articoli 189 e 190 del Cp. Sopprimere il requisito della coazione compete se del caso al legislatore, concludono i giudici federali.

Nell’ambito della revisione del diritto penale in materia sessuale attualmente in corso, la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati ha scartato la soluzione del consenso (solo sì significa sì), preferendo il principio "No significa no".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
stupro tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
22 ore
Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus
Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
22 ore
Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari
Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
1 gior
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
© Regiopress, All rights reserved