laRegione
corte-cantonale-conferma-condanna-per-assassinio-di-25-anni-fa
09.05.22 - 21:19
Ats, a cura de laRegione

Corte cantonale conferma condanna per assassinio di 25 anni fa

A Zurigo il Tribunale ribadisce la pena di 13 anni di reclusione per un rapinatore di 78 anni, colpevole dell’assassinio di una ricca anziana nel 1997

Il Tribunale cantonale di Zurigo oggi ha confermato la pena di 13 anni di reclusione per un rapinatore italiano di 78 anni condannato per l’assassinio di una ricca signora di 86 anni ritrovata morta nella lavanderia della sua abitazione a Küsnacht (ZH) nel 1997. Un delitto rimasto a lungo irrisolto, ma riaperto negli scorsi anni grazie a tracce di DNA. La condanna può ancora essere impugnata davanti al Tribunale federale (TF).

L’imputato aveva fatto ricorso contro la sentenza del novembre scorso del Tribunale distrettuale di Mailen e chiesto una completa assoluzione, negando di avere a che fare con la morte dell’anziana donna.

Il crimine risale a quasi 25 anni fa. Il cadavere dell’anziana signora fu ritrovato in un bagno di sangue e ammanettato nella lavanderia della sua villa nel comune della cosiddetta "Costa dorata" del lago di Zurigo il 4 luglio 1997, sei giorni dopo il delitto. La vittima, uccisa pochi giorni prima del suo 87esimo compleanno, aveva un patrimonio che in base alle dichiarazioni fiscali dell’epoca era stimato in 12 milioni di franchi.

In mancanza di riscontri, l’inchiesta era stata dapprima archiviata nel 2001. Nel 2016 c’è stata una svolta che ha permesso di riaprire le indagini: si è infatti scoperto che le tracce di DNA rilevate nella villa di Küsnacht corrispondevano a quelle dell’autore di una brutale rapina messa a segno nel settembre del 2016 in una gioielleria di Thun (BE), con tanto di presa d’ostaggio di un’intera famiglia.

Arrestato in Spagna ed estradato nel nostro Paese nel 2017

Il cittadino italiano sospettato dei due delitti è poi stato arrestato sull’isola di Tenerife, dove aveva cercato di vendere parte del bottino, ed estradato dalla Spagna verso la Svizzera nel maggio 2017.

Durante gli interrogatori, l’imputato ha dichiarato di aver avuto all’epoca, quando aveva 54 anni, una relazione sado-masochista con l’anziana donna, su esplicita richiesta di lei. E che la donna lo aveva generosamente pagato. Lui, allora 54enne, viveva in Italia e l’anziana gli avrebbe ordinato di farle visitarla una o due volte al mese. Rimaneva per uno o due giorni alla volta e la aiutava anche nelle faccende di casa, ha sostenuto.

Nei nove mesi della loro relazione, la ricca signora gli avrebbe dato in totale circa 300’000 franchi, più una macchina costosa e un orologio di valore. Il gestore patrimoniale della donna, tuttavia, non ha trovato alcun movimento corrispondente nel conto.

Il tribunale cantonale, così come la prima istanza, non ha però creduto a questa storia. È possibile - ha osservato il presidente della corte - che una donna di quasi 87 anni avesse una vita sessuale, ma "escludiamo" che abbia condotto "una vita così sessuale sfrenata", come descritto dall’accusato. Sulla base di tutta una serie di prove circostanziali, la corte non ha quindi avuto dubbi che l’italiano fosse entrato nella villa di Küsnacht per derubare l’anziana.

Per il Tribunale cantonale si è trattato chiaramente di assassinio, commesso con dolo eventuale. La corte non ha presupposto un’intenzione diretta di uccidere. Ma chi lascia la sua vittima in certe condizioni prevede che possa morire, ha detto spiegato il presidente del tribunale. Inoltre, si è trattato di una azione estremamente brutale e senza scrupoli per bassi motivi: ossia non essere presi. L’uomo ha lasciato la donna gravemente ferita a terra ed è fuggito senza alcun bottino. E la donna ha sofferto una terribile agonia prima della morte.

L’italiano, dopo essere fuggito, aveva anche effettuato una telefonata in un inglese piuttosto approssimativo alla centrale di emergenza, riferendo un indirizzo alquanto impreciso a Küsnacht dove una donna anziana aveva bisogno di aiuto. L’informazione - ha notato la corte - era "così fuorviante" che per colpa sua i soccorritori non hanno trovato la donna. Fu inviata un’ambulanza, ma quando nessuno rispose allo squillo del campanello, i paramedici se ne andarono.

Dopo tutto - ha sottolineato il giudice - senza questi "sforzi a metà" la sentenza sarebbe stata più alta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assassinio rapinatore tribunale zurigo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 min
Mosca: ‘La Svizzera non può rappresentare diplomaticamente Kiev’
Secondo la Russia la Confederazione ha smesso di essere neutrale aderendo alle sanzioni
Svizzera
2 ore
Bancomat fatto esplodere nel Canton Soletta
È successo la scorsa notte a Nuglar, un villaggio a pochi chilometri da Basilea. I residenti dell’edificio sono stati evacuati
Svizzera
4 ore
La Svizzera importerà 1’000 tonnellate di burro in più
Ad oggi la produzione di latte è inferiore alle aspettative e la maggior parte viene impiegata per produrre formaggio
Svizzera
22 ore
I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese
Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
22 ore
Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte
I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
22 ore
Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri
La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
23 ore
Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie
Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
1 gior
Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia
Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
1 gior
Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal
È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
1 gior
Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini
Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
© Regiopress, All rights reserved