laRegione
09.05.22 - 08:35
Aggiornamento: 21:20

‘La Svizzera non deve aspettarsi vantaggi speciali dall’Ue’

Lo afferma l’ambasciatore dell’Unione europea Mavromichalis: ‘La forza del mercato interno è che tutti gli Stati partecipanti rispettano le stesse regole’

Ats, a cura de laRegione
la-svizzera-non-deve-aspettarsi-vantaggi-speciali-dall-ue
Keystone
L’ambasciatore dell’Ue in Svizzera Petros Mavromichalis

La Svizzera non deve aspettarsi vantaggi dall’Unione europea (Ue) di cui non dispongono i suoi Stati membri, avverte l’ambasciatore dell’Ue in Svizzera, Petros Mavromichalis. Altrimenti il mercato interno sarebbe pieno di buchi, aggiunge.

"La forza del mercato interno è che tutti gli Stati partecipanti rispettano le stesse regole", afferma Mavromichalis in un’intervista di oggi alla Neue Zuercher Zeitung.

In caso di dubbi, c’è un’istanza, la Corte di giustizia europea, che interpreta le regole, aggiunge. "Questo deve valere anche per la Svizzera, negli ambiti in cui la Confederazione partecipa al mercato interno".

‘La clausola della ghigliottina non verrà abolita’

È fuori discussione che l’Ue abolisca la clausola della ghigliottina, come pare voglia il Consiglio federale, sottolinea l’ambasciatore, perché non ci deve essere un menù à la carte. "Non possiamo trattare diversamente un Paese terzo come la Svizzera, che partecipa al mercato interno. Non capisco perché questo non sia compreso in Svizzera". Secondo la clausola in questione gli accordi devono essere firmati e attuati tutti contemporaneamente. Se uno di essi viene bocciato decadono anche gli altri.

Secondo il diplomatico, l’Ue esamina attualmente la proposta della Svizzera di risolvere le questioni controverse su base settoriale nei singoli accordi. Questa soluzione renderebbe più complicato risolvere le questioni istituzionali rispetto a un approccio orizzontale e globale, osserva. "Ma l’Ue non è ideologica. Per l’Ue, è il risultato finale che conta".

Bruxelles vuole che tutti gli accordi di accesso al mercato prevedano l’obbligo di adottare la legge in modo dinamico e lo stesso meccanismo giuridico per risolvere le controversie, precisa Mavromichalis. Regolamenti come le clausole di salvaguardia sono possibili in alcuni settori, ma devono rimanere l’eccezione, aggiunge.

"Dovrebbero riferirsi a problemi specifici ed essere limitati nel tempo". D’altra parte, non è possibile escludere certi accordi come la libera circolazione delle persone o intere direttive Ue, secondo Mavromichalis.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
13 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
15 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
15 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
16 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
20 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
20 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
23 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
© Regiopress, All rights reserved