laRegione
08.05.22 - 11:43
Aggiornamento: 14:59

‘I beni dei russi vicini a Putin per ricostruire l’Ucraina’

Il Partito socialista in una mozione chiede che i beni di persone e imprese russe sanzionate vengano requisiti e affidati alle autorità di Kiev

Ats, a cura de laRegione
i-beni-dei-russi-vicini-a-putin-per-ricostruire-l-ucraina
Keystone

La Svizzera deve espropriare i beni che si trovano nella Confederazione appartenenti a cittadini russi vicini al presidente Vladir Putin: ne è convinto il Partito socialista (PS), che in una mozione all’indirizzo del Consiglio federale auspica che gli attivi delle persone e delle imprese sanzionate vengano non solo congelati, bensì anche requisiti, per poi essere affidati alle autorità ucraine in vista della ricostruzione del Paese, riferisce la SonntagsZeitung.

"In Svizzera si trova un volume superiore alla media di patrimoni appartenenti a oligarchi russi sanzionati: è giusto che questi soldi vadano a beneficio del Paese che viene attualmente distrutto da Putin", afferma la co-presidente PS Mattea Meyer in dichiarazioni riportate dal domenicale.

Anche il vicepresidente del PLR Andrea Caroni vede di buon occhio un trasferimento di denaro verso Kiev. "Dal punto di vista del diritto internazionale è chiaro che la Russia deve all’Ucraina un risarcimento per la sua aggressione", osserva il consigliere agli Stati di Appenzello Esterno.

Sulla stessa lunghezza d’onda è pure l’ambasciatore ucraino a Berna Artem Rybchenko. "La gente in Ucraina ha bisogno di sentire che le cose continueranno dopo la guerra", afferma il diplomatico. "Ecco perché i soldi per la ricostruzione sono importanti".

Secondo alcune stime gli attivi russi in Svizzera ammontano complessivamente a 200 miliardi di franchi. Dall’attacco russo all’Ucraina le autorità elvetiche hanno bloccato 7,5 miliardi di fondi russi.

Leggi anche:

Congelati oltre 5 miliardi di franchi di patrimoni russi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
10 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
11 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
13 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved