laRegione
parlamento-valore-locativo-necessari-ancora-approfondimenti
Ti-Press
06.05.22 - 16:35
Aggiornamento: 18:07
Ats, a cura de laRegione

Parlamento: valore locativo, necessari ancora approfondimenti

L’imposta esiste in Svizzera dal 1915. Diversi i tentativi per abolirla alle urne e in parlamento, mai però andati a segno

Le discussioni sull’eliminazione del valore locativo danno, come prevedibile, del filo da torcere. Prima di esprimersi definitivamente sul progetto del Consiglio federale, la Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale (Cet-N) vuole approfondire ulteriormente l’argomento.

L’imposta sul valore locativo – un reddito fittizio da cui il proprietario può dedurre gli interessi passivi e i costi di manutenzione – esiste in Svizzera dal 1915. I tentativi di abolire questa imposta sono ripetutamente falliti alle urne e in parlamento.

Il 21 settembre scorso, gli Stati hanno approvato per 20 voti a 17 e 2 astensioni il disegno della commissione preparatoria volto ad abolire tale imposizione per le abitazioni primarie, ma non per quelle secondarie.

La Cet-N ha fatto propria in parte questa soluzione, ma aggiungendovi alcune modifiche di peso. A differenza dei "senatori", la commissione crede che qualsiasi cambiamento nel sistema dovrebbe applicarsi anche alle seconde case occupate dai proprietari. "Ciò dovrebbe semplificare le procedure ed evitare scappatoie fiscali", ha affermato oggi davanti ai media della Cet-N, Leo Müller (Centro/LU).

Inoltre, la commissione vuole mantenere in vigore alcune misure dell’attuale sistema. La Cet-N ha quindi stabilito – 12 voti a 10 – che le deduzioni per i costi di manutenzione dovrebbero essere permesse e ha anche proposto di mantenere le deduzioni per le misure di risparmio energetico (19 voti a 4) e per i costi di demolizione (17 voti a 6).

Deduzione interessi passivi, 2 modelli

La commissione ha anche esaminato cinque modelli di deduzione degli interessi passivi, tra cui quello del Consiglio degli Stati, che prevede una deduzione del 70%. La Cet-N ha pure sondato la possibilità di una deduzione dell’80% o del 100% del reddito imponibile del patrimonio, una deduzione del 70% del reddito immobiliare imponibile e infine un modello senza alcuna deduzione. Alla fine, ha deciso a favore del modello con il 100% di deducibilità, ha sottolineato Müller.

La Cet-N ha chiesto all’amministrazione di valutare un secondo modello. Quest’ultimo consiste nel limitare il valore locativo al 60% o 70% degli affitti di mercato. Tale modello manterrebbe più o meno in vita il sistema attuale, ha spiegato Müller. L’amministrazione dovrà stimare le perdite fiscali che implicano le due varianti. Su questo aspetto la commissione prenderà posizione in agosto.

Col sistema attuale, il valore locativo è calcolato in base al reddito, fittizio, che il proprietario potrebbe incassare affittando la propria abitazione. In contropartita, gli interessi sull’ipoteca e le spese di manutenzione e ristrutturazione dell’edificio possono essere dedotte dalla dichiarazione delle imposte.

Il valore teorico dell’affitto è stabilito dalle autorità fiscali cantonali. Prende in considerazione criteri come lo spazio abitativo, la posizione, l’anno di costruzione e il tipo di alloggio. Di regola, il valore locativo è pari ad almeno il 60% del valore che si potrebbe ottenere se l’immobile venisse dato in locazione. Lo stesso vale per le seconde case.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cet-n imposta interessi parlamento valore locativo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
13 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
14 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
15 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
17 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
20 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved