laRegione
04.05.22 - 13:52
Aggiornamento: 14:15

In Svizzera in maggioranza polli, tacchini e affini

Lo indica uno studio sull’avifauna presente nel nostro Paese. Dove gli uccelli selvatici rappresentano solo una minima parte: il 6%

Ats, a cura de laRegione
in-svizzera-in-maggioranza-polli-tacchini-e-affini
Ti-Press
A spopolare sono loro

L’avifauna svizzera è composta principalmente da polli, tacchini e altri volatili da fattoria. Il peso degli uccelli selvatici è trascurabile: costituiscono solo 1’100 tonnellate di biomassa a fronte delle 16’000 del pollame.

Secondo una valutazione pubblicata nella rivista Ornithologischer Beobachter, gli uccelli selvatici rappresentano solo circa il 6% della biomassa della popolazione di uccelli svizzera. Negli anni 90, il tasso era ancora dell’8%. A livello mondiale la quota è di circa il 30%, precisa la Società svizzera di ornitologia e protezione degli uccelli (Ala).

Lo studio mostra anche che la biomassa degli uccelli selvatici che nidificano in Svizzera è aumentata del 20% negli ultimi vent’anni; in gran parte per l’incremento della popolazione di specie comuni che vivono prevalentemente nei boschi e che beneficiano della gestione forestale sempre più vicina alla natura. Sono invece diminuite le popolazioni delle specie che vivono negli insediamenti e nei terreni coltivati, che comprendono anche un’alta percentuale di specie della Lista Rossa.

Inoltre, nello stesso periodo il peso totale del pollame è aumentato nettamente di più, ossia del 40%, a 16’000 tonnellate; con la forte preponderanza dei polli, stimata in oltre 15’000 tonnellate. Gli uccelli selvatici arrivano invece solo a 1’100 tonnellate.

Gli autori dello studio prevedono che con la crescita della popolazione svizzera residente, l’aumento del consumo pro capite di prodotti avicoli nonché della quota interna di carne di pollame venduta, la quota di biomassa degli uccelli selvatici continuerà probabilmente a diminuire.

E, avvertono i ricercatori, con l’aumento del pollame commerciale, cresceranno anche le importazioni di mangime. Già attualmente solo il 17% del pollame può essere alimentato con mangime prodotto in Svizzera. E aumenterà pure l’inquinamento ambientale dovuto alle emissioni di ammoniaca dagli escrementi del pollame: un concime indesiderato che mette in pericolo gli ecosistemi poveri di nutrienti come i pascoli magri o le torbiere di pianura e di montagna.

I ricercatori precisano che sono stati presi in considerazione solo gli uccelli selvatici prima dell’inizio della riproduzione. I migratori e quelli che svernano non sono invece stati presi in considerazione. Se si aggiungessero gli uccelli acquatici che svernano in Svizzera la biomassa degli uccelli selvatici crescerebbe di circa la metà. Ma, scrivono: "In ogni caso, il rapporto di biomassa tra uccelli selvatici e pollame d’allevamento in Svizzera è significativamente inferiore al rapporto globale".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina
7 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
14 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
15 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
16 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
17 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
18 ore
Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi
Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
19 ore
I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset
Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
20 ore
‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’
Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
22 ore
Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada
Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
1 gior
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
© Regiopress, All rights reserved