laRegione
03.05.22 - 20:21

Meno aiuti sociali per cittadini extra Ue? Proposta mal accolta

Non convince affatto l’avamprogetto del Consiglio federale. Solo Udc e Alleanza del Centro lo sostengono.

Ats, a cura de laRegione
meno-aiuti-sociali-per-cittadini-extra-ue-proposta-mal-accolta
Keystone
Consultazione terminata

Berna – A causa dei costi crescenti il Consiglio federale vuole tagliare gli aiuti sociali per gli stranieri provenienti Paesi esterni all’Unione europea (Ue) e all’Associazione europea di libero scambio (Aels). La proposta ha però trovato una notevole opposizione in procedura di consultazione, soprattutto perché si andrebbero a toccare famiglie con bambini. Solo UDC e Alleanza del Centro sostengono il testo governativo.

Le modifiche proposte dall’esecutivo riguardano la Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrl) e la procedura di consultazione scade oggi.

L’idea è quella di abbassare le prestazioni dei primi tre anni di permanenza in Svizzera. Inoltre, bisognerebbe incentivare maggiormente lo svolgimento di una formazione. Oltre a questo, le nuove norme vogliono prendere maggiormente in considerazione il livello di integrazione nella Confederazione.

Tagli "fuori dal mondo"

Come accennato, durante la consultazione quasi tutte le parti interessati hanno reagito negativamente. PS, Verdi e Verdi liberali si oppongono alla visione discriminatoria di persone da Paesi terzi che ricevono aiuti sociali, casi che spesso riguardano famiglie monoparentali con bambini. Abbassare gli aiuti per ottenere una maggiore integrazione viene definito fuori dal mondo, oltre che cinico, sottolineano in particolare socialisti ed ecologisti.

Oltretutto si parla di pochissimi casi, quindi il potenziale di risparmio sarebbe di circa tre milioni di franchi. Come se non bastasse, gli aiuti fuori dal settore asilo sono di competenza dei Cantoni.

UDC: servono più misure

UDC e Alleanza del Centro accolgono invece favorevolmente le proposte del governo. Secondo i democentristi l’aumento dei costi in ambito sociale è da ricondurre a persone con passato migratorio. Proprio per questo sono necessarie misure ancora più restrittive.

Il Centro si dice d’accordo con le misure, a condizione che si limitino ai primi tre anni di permanenza. Il PLR ha invece chiesto un prolungamento fino al 9 maggio per consegnare la sua risposta sul tema.

Competenze cantonali

La Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS) valuta dal canto suo l’intervento del Consiglio federale come problematico, poiché si immischia in competenza chiaramente cantonali. Oltre a questo, crea un trattamento iniquo e rende più difficile l’integrazione.

L’Associazione dei Comuni svizzeri dubita della reale efficacia della proposta, e anche della sua costituzionalità. I risparmi per Cantoni e Comuni non dovrebbero poi risultare particolarmente rilevanti.

Contro risparmi "ai danni dei più poveri" si schiera infine l’Unione sindacale svizzera (USS). La prevista modifica viola a loro dire l’uguaglianza delle persone davanti alla legge così come il diritto all’aiuto in caso di bisogno. Il criterio di integrazione è poi difficile da verificare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
3 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
20 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
21 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
23 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
© Regiopress, All rights reserved