laRegione
03.05.22 - 16:51
Aggiornamento: 18:17

Legge sugli embarghi, più autonomia al governo sulle sanzioni

È il parere della Commissione politica estera del Nazionale che ha definito la revisione della legge ‘un cambio di paradigma’

legge-sugli-embarghi-piu-autonomia-al-governo-sulle-sanzioni
Keystone

Un cambio di paradigma: così la Commissione della politica estera del Nazionale (Cpe-N) ha definito la revisione della Legge sugli embarghi – approvata per 18 voti a 6 – che consentirebbe al Consiglio federale di adottare sanzioni autonomamente applicandole, oltre che agli Stati, anche a persone e imprese che violano gravemente i diritti umani. Per la minoranza, invece, è in pericolo la neutralità del Paese.

La Cpe-N è entrata in materia sul progetto con 19 voti a 6, precisa una nota odierna dei servizi parlamentari, poiché consente "di mettere in atto una politica in materia di sanzioni coerente, globale e indipendente", pur tutelando la neutralità.

Per la minoranza della commissione, invece, autorizzare il governo a estendere le sanzioni applicate da terzi a nuovi attori di sua scelta renderebbe la posizione della Svizzera poco comprensibile e violerebbe il principio di neutralità.

La nota precisa che le discussioni si sono incentrate sulle conseguenze che la revisione può avere sul rispetto della neutralità, considerato in particolare il nuovo contesto creato dalle sanzioni applicate contro la Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina.

Nonostante le riserve sulla neutralità, la Cpe-N è riuscita – 14 voti a 7 e 3 astensioni – a inserire nel progetto una proposta che intende permettere all’esecutivo "di emanare misure coercitive nei confronti delle persone implicate in violazioni del diritto internazionale umanitario o lesive dei diritti umani, o in ogni altra forma di atrocità".

Stando alla Legge federale sull’applicazione di sanzioni internazionali, o Legge sugli embarghi, fatte salve le misure del Consiglio federale volte a preservare gli interessi del Paese, "La Confederazione può disporre misure coercitive per applicare le sanzioni volte a far rispettare il diritto internazionale pubblico, in particolare i diritti dell’uomo, adottate dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa o dai principali partner commerciali della Svizzera".

Chiunque violi un embargo rischia la detenzione fino a un anno o 500mila franchi di multa. Nei casi gravi la pena può arrivare fino a cinque anni con multa assortita fino a un milione. Nei casi di negligenza, la pena di detenzione è di tre mesi al massimo o una multa di 100mila franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
3 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
3 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
5 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
5 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
5 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
6 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
6 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
9 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
23 ore
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
© Regiopress, All rights reserved