laRegione
02.05.22 - 11:46
Aggiornamento: 15:10

Incontro col Papa e giuramento guardie nell’agenda di Cassis

Il presidente della Confederazione venerdì sarà in Vaticano. Dove sarà anche presentata la sede della nuova ambasciata svizzera alla Santa Sede

Ats, a cura de laRegione
incontro-col-papa-e-giuramento-guardie-nell-agenda-di-cassis
Keystone
A colloquio con papa Francesco

Venerdì Ignazio Cassis si recherà in Vaticano, dove parteciperà al giuramento delle 36 nuove guardie svizzere. In tale occasione il presidente della Confederazione incontrerà papa Francesco e il segretario per i rapporti con gli Stati, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher. Lo indica un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), aggiungendo che nel corso della visita di Cassis sarà anche presentata la sede della nuova ambasciata svizzera presso la Santa Sede.

Al giuramento, insieme a Cassis, presenzieranno anche la presidente del Consiglio nazionale Irène Kälin e il presidente del Consiglio degli Stati, Thomas Hefti. Ad assistere all’evento, come di consueto, vi saranno inoltre rappresentanti della politica, dell’esercito e delle comunità religiose provenienti dalla Svizzera. Il Cantone ospite scelto per quest’anno è Nidvaldo.

Nuova ambasciata svizzera

I temi al centro dei colloqui tra Cassis, il Papa e Gallagher saranno le relazioni bilaterali tra Svizzera e Santa Sede e la Guardia svizzera pontificia. Già a novembre, durante la visita in Svizzera del segretario di Stato Pietro Parolin, in occasione dei festeggiamenti per il Centenario della ripresa delle relazioni diplomatiche fra i due Stati, il responsabile del Dfae aveva sottolineato la volontà elvetica di rafforzare le relazioni con il Vaticano.

Il primo ottobre, il Consiglio federale aveva deciso di aprire un’ambasciata svizzera presso la Santa Sede a Roma. Dal 2014 gli interessi diplomatici della Confederazione sono curati dall’ambasciatore svizzero in Slovenia.

Confederazione e Santa Sede intrattengono rapporti plurisecolari, sottolinea la nota. Uno dei legami più speciali e di maggiore visibilità è rappresentato proprio dalla Guardia svizzera pontificia, fondata nel 1506 da papa Giulio II con il compito di garantire la sicurezza e il servizio d’onore del Pontefice. Il giuramento delle nuove guardie ha luogo tradizionalmente il 6 maggio, in memoria dei 147 soldati caduti durante il Sacco di Roma del 1527.

Recentemente, ci sono stati rapporti sulle condizioni fatiscenti della caserma della guardia del corpo papale. Una fondazione guidata dall’ex presidente della Banca nazionale svizzera (Bns), Jean-Pierre Roth, vuole raccogliere 50 milioni di franchi per la ristrutturazione e la ricostruzione della caserma.

Secondo i media, circa 42 milioni di franchi sono già stati raccolti, comprese le donazioni di privati e fondazioni. Anche il governo nazionale e i Cantoni dovrebbero contribuire con circa 9,5 milioni di franchi. Nel Canton Lucerna, tuttavia, è stata espressa opposizione: l’Associazione svizzera dei liberi pensatori ha infatti raccolto le firme per un referendum contro il contributo di 400’000 franchi proposto dal governo cantonale a favore della fondazione creata appositamente per supervisionare il progetto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
19 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
21 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
21 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
22 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 gior
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 gior
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved