laRegione
29.04.22 - 17:27
Aggiornamento: 17:49

Stranieri in assistenza, dopo dieci anni niente espulsione

La Commissione delle istituzioni politiche del Nazionale fa sua un’iniziativa parlamentare della socialista Samira Marti (Basilea Campagna)

Ats, a cura de laRegione
stranieri-in-assistenza-dopo-dieci-anni-niente-espulsione
Keystone
Samira Marti

Gli stranieri che vivono in Svizzera da oltre dieci anni non dovrebbero più essere espulsi solo perché dipendono dall’assistenza. La Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (Cip-N) ha ribadito con 14 voti contro 10 il suo sostegno a un’iniziativa parlamentare in questo senso di Samira Marti (Ps/Bl).

Secondo l’autrice dell’iniziativa, dall’entrata in vigore della nuova legge sugli stranieri, la prassi in questi casi si è irrigidita. Gli stranieri vengono espulsi quando finiscono in assistenza, benché abbiano vissuto, lavorato e pagato le tasse in Svizzera per decenni. Alcuni di loro sono addirittura nati in Svizzera o vi sono arrivati molto giovani.

Invece, secondo Marti, dopo più di dieci anni di soggiorno nel Paese, essi dovrebbero poter ricevere assistenza sociale senza essere minacciati di espulsione. Sulla stessa linea la Commissione, per la quale l’incertezza e la paura non dovrebbero portare le persone a rinunciare al loro diritto all’assistenza sociale, si legge in una nota odierna dei Servizi del Parlamento.

La socialista chiede che non sia più possibile espellere persone solo sulla base della loro dipendenza dall’assistenza sociale dopo dieci anni in Svizzera, a meno che la persona interessata non sia finita deliberatamente nella povertà o non abbia fatto nulla per sfuggirvi.

Una minoranza ha respinto il testo, così come l’omologa commissione degli Stati, ritenendo che i casi menzionati da Marti siano una minoranza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 min
Il centro di cibersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps
Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
1 ora
Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe
Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
1 ora
Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli
Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
2 ore
Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto
Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
4 ore
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
5 ore
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
7 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
9 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
© Regiopress, All rights reserved