laRegione
29.04.22 - 13:26
Aggiornamento: 17:08

No al vaccino: il Taf conferma licenziamento di quattro soldati

Per il Taf il rifiuto del vaccino contro il Covid contrasta con la necessità che i membri di forze speciali possano partire in ogni momento per l’estero

Ats, a cura de laRegione
no-al-vaccino-il-taf-conferma-licenziamento-di-quattro-soldati
Ti-Press

Il Tribunale amministrativo federale conferma il licenziamento dei quattro soldati professionisti, appartenenti al Distaccamento speciale della Polizia militare e al Distaccamento dell’esplorazione dell’Esercito 10, il cui rapporto di lavoro era stato prosciolto dal Comando Operazioni nell’autunno del 2021, poiché avevano rifiutato di sottoporsi alla vaccinazione contro il Covid-19.

I giudici di San Gallo osservano che il contratto di lavoro del personale militare delle forze speciali, incaricate di svolgere operazioni in Svizzera e all’estero in situazioni di pericolo estremo e con un alto grado di difficoltà, specifica che i soldati debbano essere pronti in qualsiasi momento a partire per missioni all’estero. A titolo di esempio viene citato il rimpatrio di cittadini svizzeri e personale diplomatico dalle zone di guerra.

Per garantire tale disponibilità immediata, la legge impone ai membri delle forze speciali di conformarsi alle direttive del medico in capo dell’esercito. Tali direttive possono comprendere anche la vaccinazione, il cui scopo, come scrivono i giudici, è prevenire le malattie trasmissibili all’interno dell’esercito o tra l’esercito e la popolazione civile. Si tratta dunque di garantire l’operatività immediata dei membri di tali reparti. In questo caso dunque, l’interesse pubblico a garantire che le forze speciali possano preservare la sicurezza della Svizzera e dei suoi cittadini in tempi brevi prevale su quello privato riferito a eventuali effetti collaterali delle vaccinazioni.

Di conseguenza, la Corte ritiene che i diritti fondamentali invocati dai ricorrenti non siano stati violati. Con il rifiuto di sottoporsi alla vaccinazione senza validi motivi medicali, per il Taf, i quattro soldati si sono deliberatamente messi in condizione di non poter adempiere ai propri obblighi professionali, ciò che motiva la conferma del licenziamento e il respingimento dei ricorsi. Ciò anche in considerazione del fatto che in caso di complicazioni da Covid-19 all’estero non sempre è garantita un’adeguata assistenza medica ed esse vanno dunque prevenute. Per i giudici di San Gallo, infine, un test negativo non permette di ottenere lo stesso risultato della vaccinazione.

Ai quattro soldati resta ora dunque solo la possibilità di impugnare la sentenza dinanzi al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
4 ore
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
18 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
18 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
2 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
2 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
© Regiopress, All rights reserved