laRegione
27.04.22 - 16:07
Aggiornamento: 17:50

Il Consiglio federale vuole i test Covid gratuiti fino al 2024

Dal 2023 dovrebbero essere i Cantoni a coprire i costi. Chiesta al Parlamento anche la proroga dell’emissione dei certificati Covid

Ats, a cura de laRegione
il-consiglio-federale-vuole-i-test-covid-gratuiti-fino-al-2024
Keystone

L’emissione di certificati sanitari, il rimborso dei test e il sostegno allo sviluppo di medicamenti anti-coronavirus deve essere possibile anche dopo il 2022. È quanto ritiene il Consiglio federale che chiede di prorogare fino all’estate del 2024 alcune disposizioni della legge Covid-19.

Queste misure sono pensate per permettere al governo di affrontare future ondate stagionali di Sars-CoV-2. Le proposte sono per il momento inviate in consultazione ai Cantoni, fino al 9 maggio, mentre l’adozione del messaggio a destinazione del Parlamento, che avrà l’ultima parola, è prevista prima della sessione estiva.

Con la revoca, il 1° aprile, di tutti i provvedimenti adottati per combattere il coronavirus si è tornati alla "situazione normale" ai sensi della legge sulle epidemie. La validità della maggior parte delle disposizioni presenti nella legge è limitata al 31 dicembre 2022. Berna vorrebbe però disporre anche in futuro degli "strumenti di comprovata efficacia" utilizzati per far fronte all’epidemia.

Il Consiglio federale si riferisce in particolare al Covid pass, che deve poter continuare a esistere per garantire la libertà di viaggio a livello internazionale. Lo stesso dicasi per le competenze in materia di promozione dello sviluppo di farmaci anti-Covid-19 e per la protezione dei lavoratori a rischio.

L’esecutivo vorrebbe anche prorogare, nella legge sulle epidemie, la base legale dell’app SwissCovid. Si dovrebbero infine anche prolungare la validità delle disposizioni nel settore degli stranieri e dell’asilo e i provvedimenti da adottare in caso di chiusura delle frontiere per assicurare la libertà di circolazione dei lavoratori frontalieri.

Il governo vuole anche che i costi dei test Covid continuino a essere assunti dalle autorità. Dal prossimo anno, e fino a metà 2024, non sarebbe però più la Confederazione a pagare ma i Cantoni. Questi ultimi potranno definire autonomamente i tipi di test da finanziare. In proposito la Confederazione fornirà semplicemente delle raccomandazioni.

Non necessitano invece di una proroga le basi legali per gli aiuti finanziari e i provvedimenti per i casi di rigore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende concedere la concessione per una sola casa da gioco: protesta il Consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
2 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ’Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
19 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
19 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
22 ore
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
© Regiopress, All rights reserved