laRegione
26.04.22 - 16:51

Neutralità climatica da raggiungere entro il 2050

Per riuscirci, il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai chiede obiettivi intermedi e valori indicativi per settore

Ats, a cura de laRegione
neutralita-climatica-da-raggiungere-entro-il-2050
Ti-Press
Da azzerare entro il 2050

L’obiettivo delle emissioni nette di gas serra pari a zero, da raggiungere entro il 2050, deve essere fissato nella legge e concretizzato attraverso la definizione di obiettivi intermedi e valori indicativi per settore.

È quanto si propone il controprogetto indiretto all’iniziativa sui ghiacciai adottato dalla Commissione dell’ambiente del Consiglio nazionale (Capte-N) per 17 voti a 7.

Attraverso una modifica legislativa, concepita come legge quadro, la commissione propone di ancorare il più rapidamente possibile nella legislazione nazionale una strategia efficace che permetta di perseguire in modo attivo una politica climatica svizzera di lungo termine.

Il settore degli edifici e quello dei trasporti dovranno raggiungere l’obiettivo di emissioni di CO2 pari a zero entro il 2050, mentre entro la stessa data l’industria dovrà ridurre le sue emissioni del 90%. Una serie di obiettivi intermedi dovrebbe permettere di definire un percorso di riduzione fino al 2050: per esempio, entro il 2040 in Svizzera le emissioni dovranno essere ridotte del 75% rispetto a quelle del 1990.

Sono previsti vari strumenti tesi ad assicurare l’orientamento a lungo termine dell’economia e della società verso l’obiettivo delle emissioni nette pari a zero. Ciò significa che entro il 2050 le emissioni di gas serra dovranno essere ridotte il più possibile, mentre le emissioni residue dovranno essere sottratte dall’atmosfera attraverso le cosiddette ‘emissioni negative’. Inoltre, il progetto di legge prevede che i flussi finanziari vengano indirizzati verso investimenti rispettosi del clima e che le misure di adattamento al cambiamento climatico siano rafforzate.

Strumenti di promozione

Il progetto prevede l’adozione di diversi strumenti di promozione. È previsto ad esempio che la Confederazione sostenga le aziende nella pianificazione, su base volontaria, di misure atte a ridurre a zero le loro emissioni nette di gas serra entro il 2050.

Inoltre, durante un periodo di sei anni, saranno destinati 1,2 miliardi di franchi per la promozione di tecnologie e processi innovativi per la riduzione delle emissioni.

La Confederazione sarà tenuta a dare il buon esempio, e già entro il 2040 la sua Amministrazione centrale dovrà aver conseguito l’obiettivo delle zero emissioni nette. A questo obiettivo dovranno puntare, pure entro il 2040, anche le Amministrazioni centrali dei Cantoni e le imprese parastatali.

Un programma straordinario prevede inoltre che la Confederazione promuova direttamente la sostituzione degli impianti di riscaldamento a combustibile fossile e degli impianti elettrici, scarsamente efficienti, e fideiussioni per il risanamento energetico degli edifici. Il relativo impegno finanziario si svilupperà su un periodo di dieci anni per un importo di 200 milioni di franchi l’anno. Ciò permetterà anche di ridurre la dipendenza dall’importazione di energie fossili.

Attraverso la definizione di obiettivi dettagliati, la legge istituisce la base che permetterà in futuro l’adozione di adeguate misure di protezione del clima a breve termine, specialmente nella legge sul CO2. Tali misure dovranno essere socialmente sostenibili e volte a rafforzare l’economia nazionale. Laddove possibile, occorrerà pure prevedere un sostegno particolare per le regioni di montagna e le regioni periferiche.

L’iniziativa

In marzo, il Consiglio nazionale aveva respinto l’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’ a favore del controprogetto diretto del Consiglio federale, ma con l’idea già di dare la precedenza al controprogetto indiretto, ossia a livello legislativo, del parlamento. Quest’ultimo dovrebbe entrare in vigore più rapidamente rispetto al controprogetto diretto, dunque a livello costituzionale, dopo la bocciatura popolare, lo scorso giugno, della rivista legge sul CO2.

L’iniziativa chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Entro tale data vanno poi vietati i combustibili fossili. Sono ammesse eccezioni per applicazioni tecnicamente non sostituibili, a condizione che le emissioni vengano compensate in Svizzera.

Il controprogetto perora anche una compensazione delle emissioni entro il 2050. Nella controproposta, il consumo di combustibili e carburanti fossili non viene vietato, ma dovrà essere ridotto "nella misura massima tecnicamente possibile, economicamente sostenibile e compatibile con la sicurezza del Paese".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
4 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
5 ore
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
5 ore
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
6 ore
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
9 ore
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
11 ore
Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’
L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior
Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto
Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior
Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti
La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
1 gior
Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi
È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
© Regiopress, All rights reserved