laRegione
mascherine-ufsp-poco-chiaro-su-disponibilita-ed-efficacia
Ti-Press
26.04.22 - 16:10
Ats, a cura de laRegione

Mascherine: ‘Ufsp poco chiaro su disponibilità ed efficacia’

La carenza iniziale avrebbe portato il governo federale a non raccomandarle subito

La valutazione pubblicata oggi circa la reazione dei poteri pubblici alla pandemia di coronavirus, mette in rilievo anche l’impreparazione da parte della Confederazione e dei Cantoni di fronte alla prima ondata, come anche difficoltà di coordinamento tra i due livelli dello Stato. In particolare, il documento si sofferma sul problema delle mascherine di protezione, un aspetto sul quale l’Ufficio federale della sanità pubblica ha comunicato in maniera poco chiara in merito a disponibilità ed efficacia.

Il rapporto evidenzia, per esempio, che il fatto di portare la mascherina di protezione è stato consigliato alla popolazione solo verso la fine di aprile 2020, dopo che diversi studi avevano messo sempre più in evidenza l’efficacia di una simile soluzione per il contenimento del virus. Rispetto ai Paesi vicini, l’obbligato della mascherina a livello nazionale sui mezzi pubblici (luglio 2020) e nei negozi (ottobre 2020) è stato introdotto troppo tardi.

Richieste delle scorte

Gli aspetti relativi a disponibilità di mascherine e all’obbligo di indossarle sono stati criticati dal settore sanitario. In particolare, all’inizio della pandemia diversi istituti – ospedali, studi medici ma anche case di cura – hanno constatato l’assenza di sufficiente materiale di protezione e la difficoltà di procurarselo. Su tale aspetto, buona parte del corpo sanitario chiede che vengano effettuate delle scorte per non ritrovarsi scoperti in caso di necessità.

La disponibilità limitata delle mascherine avrebbe portato il governo federale a non raccomandarle

In merito alla comunicazione, si legge nel documento, le interviste condotte con gli esperti suggeriscono che la strategia dell’Ufsp sulla disponibilità e l’efficacia delle mascherine non sia stata sufficientemente discussa in seno allo stesso Ufficio e agli esperti. Si presume anche che il Consiglio federale si sia inizialmente astenuto dal raccomandare alla popolazione l’uso generalizzato delle mascherine igieniche a causa delle scorte limitate.

È possibile che, stando alla ricerca, in relazione alle mascherine sino state poste rapidamente un gran numero di esigenze volte a specificare aspetti parziali che non potevano realisticamente essere chiariti per tempo. Questi includono, per esempio, il tipo e la durata di utilizzo delle mascherine e l’obbligo di indossarle in specifici ambienti interni ed esterni.

Va detto, a proposito delle mascherine, che in una risposta del 3 settembre 2020 a un’interrogazione del consigliere nazionale Piero Marchesi (Udc/Ti), il Consiglio federale scriveva che, anche se si fosse voluto introdurre un obbligo generalizzato della mascherina all’inizio della pandemia, la Svizzera non ne disponeva in quantità sufficienti.

Ogni persona, indicava il governo, avrebbe avuto bisogno di 50 mascherine, come prescrive il Piano pandemico, per un totale di circa 400 milioni di pezzi. La Confederazione – sottolineava l’esecutivo – "non era in grado di provvedere a questo volume di scorte e perciò esortava la popolazione a costituirne di proprie per l’uso personale". Visto l’approvvigionamento insufficiente di mascherine all’inizio della pandemia, si è dovuto quindi stabilire un ordine di priorità di impiego e si è raccomandato l’uso innanzitutto al personale sanitario e ai pazienti sintomatici.

Leggi anche:

‘Gestione della pandemia buona ma chiusure scuole inappropriate’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus mascherine ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 min
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 ora
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
3 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
3 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
5 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
5 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
22 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
23 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
1 gior
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
© Regiopress, All rights reserved