laRegione
26.04.22 - 16:10

Mascherine: ‘Ufsp poco chiaro su disponibilità ed efficacia’

La carenza iniziale avrebbe portato il governo federale a non raccomandarle subito

Ats, a cura de laRegione
mascherine-ufsp-poco-chiaro-su-disponibilita-ed-efficacia
Ti-Press

La valutazione pubblicata oggi circa la reazione dei poteri pubblici alla pandemia di coronavirus, mette in rilievo anche l’impreparazione da parte della Confederazione e dei Cantoni di fronte alla prima ondata, come anche difficoltà di coordinamento tra i due livelli dello Stato. In particolare, il documento si sofferma sul problema delle mascherine di protezione, un aspetto sul quale l’Ufficio federale della sanità pubblica ha comunicato in maniera poco chiara in merito a disponibilità ed efficacia.

Il rapporto evidenzia, per esempio, che il fatto di portare la mascherina di protezione è stato consigliato alla popolazione solo verso la fine di aprile 2020, dopo che diversi studi avevano messo sempre più in evidenza l’efficacia di una simile soluzione per il contenimento del virus. Rispetto ai Paesi vicini, l’obbligato della mascherina a livello nazionale sui mezzi pubblici (luglio 2020) e nei negozi (ottobre 2020) è stato introdotto troppo tardi.

Richieste delle scorte

Gli aspetti relativi a disponibilità di mascherine e all’obbligo di indossarle sono stati criticati dal settore sanitario. In particolare, all’inizio della pandemia diversi istituti – ospedali, studi medici ma anche case di cura – hanno constatato l’assenza di sufficiente materiale di protezione e la difficoltà di procurarselo. Su tale aspetto, buona parte del corpo sanitario chiede che vengano effettuate delle scorte per non ritrovarsi scoperti in caso di necessità.

La disponibilità limitata delle mascherine avrebbe portato il governo federale a non raccomandarle

In merito alla comunicazione, si legge nel documento, le interviste condotte con gli esperti suggeriscono che la strategia dell’Ufsp sulla disponibilità e l’efficacia delle mascherine non sia stata sufficientemente discussa in seno allo stesso Ufficio e agli esperti. Si presume anche che il Consiglio federale si sia inizialmente astenuto dal raccomandare alla popolazione l’uso generalizzato delle mascherine igieniche a causa delle scorte limitate.

È possibile che, stando alla ricerca, in relazione alle mascherine sino state poste rapidamente un gran numero di esigenze volte a specificare aspetti parziali che non potevano realisticamente essere chiariti per tempo. Questi includono, per esempio, il tipo e la durata di utilizzo delle mascherine e l’obbligo di indossarle in specifici ambienti interni ed esterni.

Va detto, a proposito delle mascherine, che in una risposta del 3 settembre 2020 a un’interrogazione del consigliere nazionale Piero Marchesi (Udc/Ti), il Consiglio federale scriveva che, anche se si fosse voluto introdurre un obbligo generalizzato della mascherina all’inizio della pandemia, la Svizzera non ne disponeva in quantità sufficienti.

Ogni persona, indicava il governo, avrebbe avuto bisogno di 50 mascherine, come prescrive il Piano pandemico, per un totale di circa 400 milioni di pezzi. La Confederazione – sottolineava l’esecutivo – "non era in grado di provvedere a questo volume di scorte e perciò esortava la popolazione a costituirne di proprie per l’uso personale". Visto l’approvvigionamento insufficiente di mascherine all’inizio della pandemia, si è dovuto quindi stabilire un ordine di priorità di impiego e si è raccomandato l’uso innanzitutto al personale sanitario e ai pazienti sintomatici.

Leggi anche:

‘Gestione della pandemia buona ma chiusure scuole inappropriate’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto
Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
2 ore
Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti
La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
3 ore
Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi
È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
Svizzera
3 ore
Stranieri di terza generazione, no a naturalizzazione agevolata
Prematura una revisione della procedura: la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati raccomanda di respingere l’iniziativa parlamentare
Svizzera
4 ore
Catena della solidarietà, 154 milioni di ‘anelli’ nel 2022
L’anno appena concluso è stato il secondo in assoluto per la somma complessiva raccolta: solo nel 2004 le donazioni erano state superiori
Svizzera
4 ore
WhatsApp, Migros e Google sono i marchi più popolari in Svizzera
Il sondaggio in base all’indicatore Brand Indicator Switzerland è fondato su criteri come la rilevanza e l’emozionalità
Svizzera
4 ore
L’estate dei record fa segnare anche l’anno record per infortuni
L’assenza di limitazioni legate al coronavirus e le condizioni climatiche favorevoli fanno lievitare gli incidenti durante il tempo libero: +14%
Svizzera
5 ore
Escursionista con racchette cade e muore
Dopo un giorno di ricerche, il corpo senza vita dell’uomo, un 38enne, è stato rinvenuto in una buca carsica di Selun, nel Canton San Gallo
Svizzera
6 ore
Si schianta contro un sottopassaggio: morto
L’uomo, di mezza età, è deceduto sul posto dopo aver centrato un muro a Sirnach, nel Canton Turgovia
Svizzera
6 ore
Ignoti appiccano fuoco in una scuola elementare
Seri danni allo stabile di Brunnmatt, nella parte su della città di Basilea. Nessuno è rimasto ferito
© Regiopress, All rights reserved