laRegione
24.04.22 - 09:45
Aggiornamento: 16:17

Iniziano i primi ritorni in Ucraina dei rifugiati in Svizzera

A livello globale, secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), più di 600’000 persone fuggite dall’Ucraina sono rientrate

iniziano-i-primi-ritorni-in-ucraina-dei-rifugiati-in-svizzera
Keystone

Fino a oggi, la Svizzera ha registrato più di 40’000 persone giunte dall’Ucraina a causa della guerra. Secondo la segretaria di Stato per la migrazione, Christine Schraner Burgener, i primi rifugiati stanno già facendo ritorno nel loro Paese d’origine.

È importante che le persone interessate "possano tornare in sicurezza", ha detto Schraner Burgener in un’intervista alla "NZZ am Sonntag". L’obiettivo più importante nelle ultime settimane è stato quello di poter fornire un tetto alle molte persone – essenzialmente donne e bambini – fuggite dall’Ucraina, ha precisato.

La Svizzera – ha poi sottolineato – ha reagito "molto rapidamente" alla forte affluenza di rifugiati. Ritardi possono verificarsi se le domande di asilo sono depositate prima della concessione dello statuto S o ne vengono fatte diverse, ha detto in risposta alle critiche sui lunghi tempi di attesa.

I rifugiati giunti dall’Ucraina per ora possono rimanere con lo statuto di protezione S per un anno. Se la guerra dovesse continuare, il Consiglio federale ha la possibilità di prolungarlo di un anno, fino a un massimo di cinque anni. Ma Schraner Burgener spera che si trovi una soluzione prima.

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), più di 600’000 persone fuggite dall’Ucraina e che avevano trovato accoglienza in diversi Stati sono già rientrate nel loro Paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
58 min
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
3 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
5 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
6 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
6 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
7 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
11 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
14 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved