laRegione
21.04.22 - 19:59

Imposta minima Ocse, progetto accolto con sfumature

Chiusa la consultazione sull’avamprogetto del Consiglio federale. Pomo della discordia: l’attribuzione ai cantoni degli introiti fiscali supplementari.

Ats, a cura de laRegione
imposta-minima-ocse-progetto-accolto-con-sfumature
Keystone
Le entrate supplementari andrebbero nelle casse dei cantoni

Berna – La proposta di introdurre una imposta minima del 15% sugli utili, conformemente a quanto concordato dall’OCSE e dal G20, soddisfa i partiti elvetici, seppur con sfumature diverse. Il centro-destra fa buon viso a cattiva sorte, la sinistra è più euforica, ma vorrebbe che il maggior gettito finisse nelle casse della Confederazione.

Secondo i piani del Consiglio federale, le grandi imprese attive a livello internazionale con un fatturato superiore a 750 milioni di euro dovranno pagare un’imposta minima del 15% in Svizzera dall’inizio del 2024. Il prelievo delle imposte supplementari sarà competenza cantonale e tali entrate fiscali saranno soggette alle regole generali della perequazione finanziaria nazionale. Per farlo occorre una modifica costituzionale che dovrebbe essere sottoposta a popolo e cantoni il 18 giugno 2023.

Per l’UDC tutta questa manovra è frutto di quei Paesi che vogliono aumentare i loro introiti fiscali e indebolire la piazza economica elvetica con il pretesto della "giustizia fiscale". Il partito critica anche l’ingerenza nella sovranità fiscale dei cantoni. D’altra parte, la Svizzera non può farsi da parte. Per l’Unione democratica di centro una valutazione complessiva non può però essere ancora fatta viste le troppe questioni ancora aperte.

Anche secondo il PLR la riforma fiscale OCSE/G20 è sbagliata, la sua introduzione anche in Svizzera è però inevitabile: se Berna non riscuoterà la tassa minima, altri Paesi lo faranno al suo posto. La Confederazione deve mantenere gli introiti fiscali nel nostro Paese, che andranno reinvestiti nei cantoni per mantenere la loro attrattiva, ritengono i liberali-radicali. Per il partito potrebbero anche essere ridotte altre tasse o contributi sociali.

Anche l’Alleanza del Centro ritiene che non si potrà evitare un aumento delle imposizione per queste imprese. Gli effetti economici e fiscali potrebbero tuttavia essere limitati adeguando il sistema fiscale.

Il Centro e i Verdi liberali chiedono poi che la Confederazione riceva una quota più importante dei nuovi introiti. Per il PVL la parte destinata ai cantoni dovrebbe essere distribuita in base alla popolazione residente.

Da parte loro, i socialisti accolgono con favore la riforma, che dal loro punto di vista andrebbe allargata. Il PS auspica infatti un’imposta minima per tutte le imprese per porre fine all’"insensata concorrenza fiscale" dei cantoni. Il partito non vuole inoltre che i maggiori introiti finiscano nelle mani dei cantoni fiscalmente attrattivi. Non farebbe altro che creare nuovi privilegi, sostengono.

Per i Verdi l’insieme del maggior gettito deve finire in un fondo della Confederazione, che potrebbe essere impiegato per far fronte alle grandi sfide ecologiche, economiche e sociali. Nuove compensazioni, privilegi fiscali e sussidi dovrebbero essere evitati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
10 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
13 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
14 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
16 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
18 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved