laRegione
imposta-minima-ocse-progetto-accolto-con-sfumature
Keystone
Le entrate supplementari andrebbero nelle casse dei cantoni
21.04.22 - 19:59
Ats, a cura de laRegione

Imposta minima Ocse, progetto accolto con sfumature

Chiusa la consultazione sull’avamprogetto del Consiglio federale. Pomo della discordia: l’attribuzione ai cantoni degli introiti fiscali supplementari.

Berna – La proposta di introdurre una imposta minima del 15% sugli utili, conformemente a quanto concordato dall’OCSE e dal G20, soddisfa i partiti elvetici, seppur con sfumature diverse. Il centro-destra fa buon viso a cattiva sorte, la sinistra è più euforica, ma vorrebbe che il maggior gettito finisse nelle casse della Confederazione.

Secondo i piani del Consiglio federale, le grandi imprese attive a livello internazionale con un fatturato superiore a 750 milioni di euro dovranno pagare un’imposta minima del 15% in Svizzera dall’inizio del 2024. Il prelievo delle imposte supplementari sarà competenza cantonale e tali entrate fiscali saranno soggette alle regole generali della perequazione finanziaria nazionale. Per farlo occorre una modifica costituzionale che dovrebbe essere sottoposta a popolo e cantoni il 18 giugno 2023.

Per l’UDC tutta questa manovra è frutto di quei Paesi che vogliono aumentare i loro introiti fiscali e indebolire la piazza economica elvetica con il pretesto della "giustizia fiscale". Il partito critica anche l’ingerenza nella sovranità fiscale dei cantoni. D’altra parte, la Svizzera non può farsi da parte. Per l’Unione democratica di centro una valutazione complessiva non può però essere ancora fatta viste le troppe questioni ancora aperte.

Anche secondo il PLR la riforma fiscale OCSE/G20 è sbagliata, la sua introduzione anche in Svizzera è però inevitabile: se Berna non riscuoterà la tassa minima, altri Paesi lo faranno al suo posto. La Confederazione deve mantenere gli introiti fiscali nel nostro Paese, che andranno reinvestiti nei cantoni per mantenere la loro attrattiva, ritengono i liberali-radicali. Per il partito potrebbero anche essere ridotte altre tasse o contributi sociali.

Anche l’Alleanza del Centro ritiene che non si potrà evitare un aumento delle imposizione per queste imprese. Gli effetti economici e fiscali potrebbero tuttavia essere limitati adeguando il sistema fiscale.

Il Centro e i Verdi liberali chiedono poi che la Confederazione riceva una quota più importante dei nuovi introiti. Per il PVL la parte destinata ai cantoni dovrebbe essere distribuita in base alla popolazione residente.

Da parte loro, i socialisti accolgono con favore la riforma, che dal loro punto di vista andrebbe allargata. Il PS auspica infatti un’imposta minima per tutte le imprese per porre fine all’"insensata concorrenza fiscale" dei cantoni. Il partito non vuole inoltre che i maggiori introiti finiscano nelle mani dei cantoni fiscalmente attrattivi. Non farebbe altro che creare nuovi privilegi, sostengono.

Per i Verdi l’insieme del maggior gettito deve finire in un fondo della Confederazione, che potrebbe essere impiegato per far fronte alle grandi sfide ecologiche, economiche e sociali. Nuove compensazioni, privilegi fiscali e sussidi dovrebbero essere evitati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantoni consiglio federale consultazione imposta minima ocse
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
25 min
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
1 ora
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
2 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
2 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
2 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
3 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
4 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
7 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
Svizzera
7 ore
Disoccupazione Seco immutata al 2% a luglio, in Ticino al 2,3%
Rispetto allo scorso anno il calo è però sensibile, con il 28,7% in meno di persone iscritte nelle liste degli Uffici regionali di collocamento (Urc)
Svizzera
1 gior
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
© Regiopress, All rights reserved