laRegione
12.04.22 - 17:38
Aggiornamento: 19:18

Sostegno ai media, è prematuro agire adesso per gli aiuti

Lo sostiene la Commissione delle comunicazioni del Consiglio degli Stati che ha bocciato un’iniziativa parlamentare dell’omologa commissione del Nazionale

Ats, a cura de laRegione
sostegno-ai-media-e-prematuro-agire-adesso-per-gli-aiuti
Keystone

Reintrodurre dalla porta di servizio alcuni aspetti della legge sui media bocciata alle urne sarebbe politicamente problematico. È quanto pensa la Commissione delle comunicazioni del Consiglio degli Stati (Ctt-s) che ha bocciato un’iniziativa parlamentare in tal senso dell’omologa commissione del Nazionale.

Grazie al voto negativo del suo presidente, la Ctt-s si è detta contraria a realizzare così a breve termine singole parti del progetto malgrado il popolo l’abbia respinto nel suo insieme nel febbraio scorso, stando a una nota odierna dei servizi parlamentari.

La Ctt-s pensa che occorra attendere un rapporto in merito – in fase di elaborazione – per poi procedere a un’ampia valutazione volta a un promovimento dei media che tenga conto delle sfide future.

L’iniziativa parlamentare della Ctt-n inoltrata il 4 di aprile scorso vorrebbe fornire un rapido sostegno finanziario agli istituti di formazione e formazione continua, alle agenzie di stampa e alle organizzazioni di autoregolamentazione come anche garantire gli investimenti in ambito informatico. Oltre a ciò si propone di aumentare la quota dei profitti generati dal canone radio-tivù da destinare alle emittenti private.

Secondo la commissione pertinente del Consiglio nazionale, benché media indipendenti e diversificati svolgano un’importante funzione istituzionale ai fini della democrazia, la situazione economica di questo settore continua a deteriorarsi. Per questo, dopo il rifiuto alle urne del pacchetto sui media, bisogna attuare rapidamente le misure della Legge sulla radio televisione che nel dibattito sul finanziamento dei media non hanno mai sollevato opposizioni.

Leggi anche:

Aiuti ai media respinti dal 54,6% dei votanti

‘Serve un rapido sostegno ai media’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
16 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
17 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved