laRegione
12.04.22 - 14:01
Aggiornamento: 16:03

Sacchi che puzzano? A Basilea ci sono i ‘Bebbi-sack’ da 10 litri

Questo formato ‘motiverebbe le persone a riciclare ancora di più’. Inoltre soddisfa le necessità delle piccole famiglie che sono ‘in costante aumento’.

sacchi-che-puzzano-a-basilea-ci-sono-i-bebbi-sack-da-10-litri
Keystone

Plastica, carta, scarti vegetali... Già da diversi anni è possibile smaltire questi e altri materiali separatamente. Cosa rimane dunque nel sacco della raccolta indifferenziata? Spesso molto poco, che però a volte puzza. Soprattutto se si è soli e per riempirne uno da 17 litri ci si mette anche un mese. I basilesi, anche chiamati ‘Bebbi’, hanno trovato una soluzione: il ’Bebbi-Sack’ da 10 litri.

Dal primo febbraio a Basilea Città i rifiuti domestici possono infatti essere smaltiti anche in questi sacchi più piccoli, dal costo di 70 centesimi l’uno. In commercio sono disponibili rotoli da venti pezzi.

Il governo basilese, come riportato dal portale ‘Telebasel’, ha risposto così a un bisogno della popolazione. Necessità che era stata espressa in una mozione parlamentare del Partito socialista. "Il Consiglio di Stato giustifica l’introduzione del sacco da 10 litri anche con il fatto che il numero di piccole famiglie a Basilea è in costante aumento. Inoltre, sacchi di rifiuti più piccoli motiverebbero le persone a riciclare i materiali in modo ancora più consistente".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
9 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
10 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
11 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
11 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
11 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
12 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
15 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
16 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
19 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
20 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved