laRegione
12.04.22 - 11:08
Aggiornamento: 17:07

Esercito, congelata la cooperazione tra Svizzera e Russia

La collaborazione era stata sancita con l’adesione dei due Paesi al Partenariato per la pace negli anni 90. Già ridotta dopo l’annessione della Crimea.

Ats, a cura de laRegione
esercito-congelata-la-cooperazione-tra-svizzera-e-russia
Keystone

Già ridotta dopo l’annessione della Crimea nel 2014, la cooperazione a livello militare tra la Svizzera e la Russia è ormai interrotta dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. È quanto scrive il ‘Tages Anzeiger’ citando la portavoce dell’esercito svizzero, Delphine Schwab-Allemand.

La cooperazione tra i due eserciti si spiega con l’adesione dei due Paesi al Partenariato per la pace negli anni 90, un’iniziativa della Nato volta a creare uno spazio di sicurezza e pace in Europa. La Confederazione, su iniziativa dell’allora consigliere federale Flavio Cotti, vi aderì nel 1996, due anni dopo Mosca.

Da qui la firma tra i due paesi nel 2011 di un accordo di cooperazione che ha visto diversi soldati russi allenarsi a Andermatt alla guerra in montagna, un’offerta di cui hanno approfittato i soldati di altri Stati. Nel 2013, per esempio, 41 soldati russi hanno approfittato di questa possibilità per trascorrere qualche settimana nella località urana.

Da 2014, tuttavia, la presenza russa si è interrotta dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia di Putin, paese peraltro espulso dal Partenariato per la pace. La cooperazione tra Berna e Mosca è andata avanti lo stesso a livello di scambi accademici, nei settori sportivo e culturale. Anche dopo il 2014, insomma, soldati russi hanno potuto partecipare alla Patrouille des Glaciers. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, anche ciò che rimaneva della cooperazione tra i due eserciti è stata sospesa sine die. Tale cooperazione era di fatto interrotta da due anni, ossia dallo scoppio della pandemia, ha spiegato la portavoce dell’armata al quotidiano zurighese.

Anche la collaborazione a livello di istruzione degli ufficiali è interrotta. Dal 2012, almeno tre membri dell’esercito svizzero hanno potuto frequentare l’Accademia militare dello stato maggiore generale delle forze armate russe, sottolinea il quotidiano svizzero tedesco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
59 min
Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale
Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
5 ore
USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro
I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
5 ore
Ginevra, Uber può continuare a operare
L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
6 ore
Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3
Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
7 ore
Penuria di farmaci, al lavoro una task force
Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
8 ore
Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento
Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
10 ore
1° febbraio: è il giorno della prova sirene
Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
12 ore
Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’
L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior
Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto
Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior
Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti
La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
© Regiopress, All rights reserved