laRegione
11.04.22 - 23:21

La Serbia nega di aver minacciato Dick Marty

L’ambasciatore serbo a Berna Goran Bradic: ‘Accuse che causano danni inesorabili alla reputazione’ della nazione balcanica

Ats, a cura de laRegione
la-serbia-nega-di-aver-minacciato-dick-marty
Ti-Press
Dick Marty

L’ambasciata serba in Svizzera nega che i servizi segreti di Belgrado abbiano minacciato di uccidere Dick Marty, già relatore del Consiglio d’Europa, consigliere agli Stati (Plr) ed ex procuratore pubblico del Canton Ticino. Ieri Marty, noto per le sue inchieste internazionali, ha rivelato di aver vissuto sotto protezione della polizia da oltre un anno.

Questa sera, il telegiornale della televisione romanda Rts ha riportato una dichiarazione scritta firmata dall’ambasciatore serbo a Berna, Goran Bradic: "In questi tempi difficili, tali accuse causano danni inesorabili alla reputazione della Repubblica di Serbia, del Servizio di sicurezza serbo (Bia) e di coloro che gli sono vicini e che svolgono le loro funzioni (...) esclusivamente in conformità con la legge. "Nonostante le pressioni e i tentativi di destabilizzazione, il Bia continuerà a lavorare per mantenere la pace e la stabilità nella Repubblica di Serbia", si legge nel testo. Questa dichiarazione arriva il giorno dopo che Dick Marty ha rivelato di aver ricevuto minacce di morte da parte di "ambienti dei servizi segreti serbi".

Il Ministero pubblico cella Confederazione (MPC) ha confermato l’esistenza di una "minaccia seria" contro il ticinese. Secondo Dick Marty, i servizi segreti hanno incaricato assassini professionisti di ucciderlo e di far ricadere la responsabilità sul governo kosovaro. Marty è stato relatore del Consiglio d’Europa. Ha compiuto indagini sulle presunte prigioni segrete della Cia in Europa. Nel 2010 ha presentato un rapporto sui crimini commessi dall’Esercito di liberazione del Kosovo sui loro prigionieri, principalmente serbi. Le minacce di morte sarebbero in relazione a questa sua inchiesta.

Fabio Regazzi: ‘Affidare il caso all’Mpc’

La vicenda ha provocato reazioni oggi a Berna. Il consigliere agli Stati Carlo Sommaruga (Ps/Ge) si è detto "sbalordito" che un politico di tale spessore sia stato minacciato in questo modo. "Ciò che è mancato sono soprattutto autorità attive a livello diplomatico, politico e giudiziario", ha aggiunto. Il consigliere nazionale Fabio Regazzi (Centro/TI) ha detto che il caso dovrebbe essere affidato al Ministero pubblico della Confederazione (Mpc).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 min
Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps
Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
1 ora
Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe
Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
1 ora
Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli
Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
3 ore
Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto
Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
4 ore
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
5 ore
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
7 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
9 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
© Regiopress, All rights reserved