laRegione
11.04.22 - 12:43
Aggiornamento: 15:26

Denuncia un furto nel suo chiosco. E il Dna lo incastra

La corrispondenza con una traccia lasciata in una rapina finita tragicamente frutta a un nord-macedone l’accusa di omicidio e tentato omicidio

Ats, a cura de laRegione
denuncia-un-furto-nel-suo-chiosco-e-il-dna-lo-incastra
Keystone
Una vicenda rimasta a lungo irrisolta

Omicidio e tentato omicidio sono le accuse formulante dalla Procura del Giura bernese-Seeland nei confronti di un 64enne originario della Macedonia del Nord coinvolto in una rapina a Bienne (Be) del giugno 1999, nel corso della quale un giovane era stato ucciso. L’imputato respinge le accuse, riferisce la stessa procura.

L’uomo aveva partecipato con altre tre persone a una rapina nel domicilio di una famiglia jenisch a Bienne, il 25 giugno del 1999. I genitori e i loro figlio minore erano stati legati e imbavagliati dagli uomini armati. Quando i due figli maggiori rientrarono a casa, uno degli aggressori sparò a più riprese attraverso una finestra. Uno dei figli, di 22 anni, venne ferito mortalmente. Gli autori erano poi fuggiti a bordo di una VW con targhe solettesi. Dall’abitazione avevano sottratto un fucile mitragliatore e gioielli.

La vicenda rimase a lungo irrisolta. Alla fine di luglio del 2001, il procedimento era stato sospeso perché non era stato possibile identificare i colpevoli. Il dossier era poi stato ripreso nell’aprile del 2016 in seguito a nuove scoperte. Il nord-macedone, ora sotto accusa per omicidio, alla fine del 2015 aveva denunciato alla polizia cantonale di Berna un furto nel suo chiosco.

Durante l’indagine sul furto è stata trovata una corrispondenza con una traccia di Dna sulla scena del crimine a Bienne. Così, dopo ulteriori indagini, il macedone è infine stato arrestato nel gennaio del 2021. Da allora è in detenzione preventiva. L’uomo è accusato di ulteriori reati, fra cui violazioni della legge sulle armi.

I tre complici non sono ancora stati identificati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
1 ora
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 ora
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved