laRegione
10.04.22 - 15:50
Aggiornamento: 17:33

Pugnalato a morte a Berna: c’è un arresto

Il presunto autore sarebbe un 18enne somalo, che venerdì aveva ferito mortalmente un ventenne a una fermata del bus

Ats, a cura de laRegione
pugnalato-a-morte-a-berna-c-e-un-arresto
Keystone
Dinamica dei fatti ancora da chiarire

Un somalo di 18 anni, sospettato di aver ferito a morte dopo un alterco un giovane venerdì sera a una fermata del bus a Berna, è stato arrestato. Lo rende noto oggi la Polizia cantonale, precisando che la notte dell’omicidio erano stati fermati tre uomini e una donna.

Dopo gli interrogatori, i sospetti nei suoi confronti si sono confermati e le altre persone sono state rilasciate. Secondo i primi elementi dell’inchiesta, sarebbe scoppiata una lite alla fermata dell’autobus tra il sospetto e la vittima.

Quest’ultima, formalmente identificata – si tratta di un somalo di 20 anni residente nel Canton Berna – è stata pugnalata più volte ed poi è morta in ospedale.

Sono tuttora in corso accertamenti per determinare le ragioni dell’alterco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
3 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
4 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
7 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
23 ore
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved