laRegione
la-svizzera-puo-contribuire-a-risolvere-la-crisi-ucraina
Keystone
07.04.22 - 17:41
Aggiornamento: 18:13
Ats, a cura de laRegione

‘La Svizzera può contribuire a risolvere la crisi ucraina’

Lo afferma il presidente croato Zoran Milanovic che ha definito intelligente la decisione di Berna di riprendere le sanzioni Ue

Per il presidente croato Zoran Milanovic, la Svizzera può avere un ruolo, con i suoi buoni uffici, nel conflitto in Ucraina. In visita ufficiale, oggi a Ginevra, dopo aver incontrato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, ha lodato l’atteggiamento "intelligente" di Berna nella ripresa delle sanzioni dell’Ue.

Rilevando la necessità di "buoni uffici" per risolvere la crisi ucraina, Milanovic ha detto alla stampa che a suo avviso "solo alcuni paesi possono svolgere questo ruolo", senza menzionare quali. Più tardi ha indicato a Keystone-Ats che la Svizzera è uno di questi.

Un lavoro ‘da orologiaio’

Berna ha fatto un "lavoro di precisione da orologiaio" nel suo approccio della crisi ucraina, ha aggiunto. Secondo lui, la ripresa elvetica delle sanzioni europee "non viola la neutralità".

Dal canto suo, Cassis ha detto che l’Ucraina ha occupato gran parte della discussione col suo omologo. "Siamo testimoni di immagini e video che ci scioccano, che ci sconvolgono", ha dichiarato. "Questo non sarebbe dovuto accadere nel ventunesimo secolo".

Cassis ha ribadito che Berna vuole un’indagine internazionale indipendente per "verificare se ci sono crimini di guerra". "In qualità di Stato depositario delle Convenzioni di Ginevra, la Svizzera s’impegna affinché esse siano rispettate. Inoltre sostiene gli sforzi della comunità internazionale volti a documentare e punire i crimini di guerra", ha detto il ticinese, citato in un comunicato del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), diretto dallo stesso Cassis. A questo scopo, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha appena istituito una commissione internazionale d’inchiesta.

‘La questione del Kosovo deve essere risolta’

Più in generale, Milanovic, che conosce bene Ginevra per avervi lavorato come diplomatico, ha lanciato un avvertimento riguardo ai Balcani occidentali. La questione del Kosovo deve essere risolta, ha insistito. "È come se questo problema non esistesse", ha deplorato, facendo appello agli altri Stati europei. Li ha esortati a non "trascurarlo (...). È il nostro dovere".

Prima della conferenza stampa congiunta, Cassis aveva indicato in un tweet che i colloqui bilaterali, accanto all’Ucraina avevano riguardato i Balcani occidentali, la politica europea della Svizzera e le relazioni bilaterali tra Berna e Zagabria, giudicate "eccellenti".

Orizzonte Europa: sviluppare ulteriormente la via bilaterale

Per quanto concerne l’evoluzione delle relazioni tra Berna a Bruxelles, Cassis ha sottolineato che la Svizzera vuole stabilizzare e sviluppare ulteriormente la via bilaterale. Ha illustrato al suo ospite l’impostazione generale decisa dal Consiglio federale per un pacchetto di negoziati. Si è inoltre parlato del secondo contributo svizzero ad alcuni Stati membri dell’Ue, tra i quali figura la Croazia, e dell’auspicata associazione della Svizzera, ora considerata solo uno Stato terzo, ai programmi Orizzonte Europa (promozione della ricerca e dell’innovazione) ed Erasmus+ (mobilità studentesca).

Dopo l’incontro con i media, Milanovic e Cassis hanno continuato a parlare della guerra in Ucraina con studenti dell’università di Ginevra. Il presidente della Confederazione ha nuovamente spiegato la sua reticenza ad accusare le forze armate russe di crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

Credibilità compromessa del Consiglio di sicurezza

"Ho mantenuto una linea sobria", ha detto il capo del Dfae. "Facciamo attenzione", ha insistito, mettendo in guardia contro una giustizia delle reti sociali. Cassis ha denunciato l’atteggiamento di alcuni responsabili politici che vogliono ottenere visibilità "scandalizzando" certe situazioni.

Il presidente della Confederazione ha anche deplorato la perdita di "credibilità" e "forza d’impatto" del Consiglio di sicurezza dell’Onu a causa dei veti. Si è pure rammaricato per gli ostacoli a una riforma dell’istanza da parte di coloro "che hanno il potere", i cinque membri permanenti.

A due mesi dalla probabile elezione della Svizzera al Consiglio di sicurezza, Cassis ritiene che il conflitto in Ucraina abbia il potenziale di cambiare l’ordine internazionale in vigore dalla Seconda Guerra mondiale. "Forse questa guerra sarà una svolta", ha detto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
croazia ignazio cassis russiaucraina zoran milanovic
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus
Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
8 ore
Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari
Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
22 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
1 gior
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
© Regiopress, All rights reserved