laRegione
07.04.22 - 09:10
Aggiornamento: 20:12

Sempre più zecche in Svizzera per il riscaldamento climatico

L’ambiente è sempre più ospitale per questi piccoli aracnidi. Dal 2009 al 2018 l’habitat ideale si è esteso di oltre due terzi. E aumentano i morsi

Ats, a cura di Marco Narzisi
sempre-piu-zecche-in-svizzera-per-il-riscaldamento-climatico
Keystone

Negli ultimi anni le punture di zecca in Svizzera sono aumentate notevolmente. Ora alcuni ricercatori romandi hanno scoperto una spiegazione: l’ambiente è sempre più ospitale per questi piccoli aracnidi, si legge in un comunicato odierno della Suva.

Gli animaletti, potenzialmente pericolosi, si trovano nel sottobosco e sulle piante ai margini di boschi e sentieri fino a 1,5 metri di altezza, in attesa del passaggio di persone o animali.

"Tra il 2009 e il 2018 l’habitat adatto alle zecche si è esteso di oltre due terzi", spiega Felix Ineichen, esperto del tema della Suva, citato nella nota. L’ampliamento è circa di 4’000 chilometri quadrati, il doppio della superficie del canton San Gallo.

Uno dei motivi è da ricercare nelle mutate condizioni climatiche, soprattutto ad altitudini fra i 500 e i 1’000 metri di quota. Il proliferare degli aracnidi ha come conseguenza un incremento dei morsi: tra il 2012 e il 2016 erano 10’000 all’anno, fra il 2017 e il 2021 si parla invece di 14’000 casi (+40%).

Per quanto riguarda quest’anno in particolare, è ancora difficile prevedere se sarà caratterizzato da molte punture, sottolinea la Suva. Le prossime settimane potrebbero però già fornirci indizi, poiché le condizioni meteo di aprile influiscono notevolmente sul numero di punture: più è mite e soleggiato e più si registrano casi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps
Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
3 ore
Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe
Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
3 ore
Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli
Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
4 ore
Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto
Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
6 ore
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
7 ore
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
9 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
11 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
© Regiopress, All rights reserved