laRegione
07.04.22 - 08:28
Aggiornamento: 18:33

Sparatoria a Wallisellen, morti un uomo e una donna

Un uomo ha sparato agli agenti venuti ad arrestarlo colpendo la compagna ed è stato poi ucciso nello scambio a fuoco con le forze dell’ordine

Ats, a cura di Marco Narzisi
sparatoria-a-wallisellen-morti-un-uomo-e-una-donna
Keystone

Due persone sono morte ieri a Wallisellen, vicino a Zurigo, durante un intervento di polizia. Un uomo ha sparato agli agenti, venuti ad arrestarlo, colpendo probabilmente mortalmente la sua compagna, prima di essere ucciso in uno scambio a fuoco con le forze dell’ordine. Lo ha comunicato questa mattina, la polizia cantonale zurighese.

L’uomo, un tedesco di 38 anni, era oggetto di un’indagine di polizia in seguito a un rapimento commesso una settimana fa, indica la nota. Poiché si è scoperto che il sospetto aveva delle armi da fuoco, la polizia ha chiamato specialisti dell’unità di intervento.

Al momento dell’arresto, poco prima delle 20, l’uomo ha improvvisamente estratto un’arma da fuoco e ha sparato presumibilmente colpendo la sua compagna. Ne è seguito uno scambio a fuoco con la polizia. Il sospetto e la donna sono deceduti sul posto, aggiunge il comunicato, precisando che la polizia ha avviato ulteriori indagini.

Il 38enne tedesco era sospettato di aver minacciato con un’arma da fuoco e rapito un uomo nel cantone di Zurigo una settimana fa, che poi aveva rilasciato la sera stessa, secondo la polizia. Il sospetto non era conosciuto dai servizi di polizia criminale del cantone di Zurigo.

Dopo la sparatoria la polizia ha trovato e sequestrato diverse armi e munizioni nell’appartamento di Wallisellen in cui si trovava il 38enne. La Procura ha aperto vari procedimenti penali, anche contro gli agenti della polizia, si legge in un comunicato pubblicato questa sera dal Ministero pubblico zurighese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ecuador
34 min
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
1 ora
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
1 ora
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
1 ora
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
3 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
19 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
22 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
23 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
1 gior
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
1 gior
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
© Regiopress, All rights reserved