laRegione
guerra-operatori-culturali-chiedono-azione-finanziaria-decisiva
Keystone
04.04.22 - 11:28
Aggiornamento: 16:32
Ats, a cura de laRegione

Guerra, operatori culturali chiedono azione finanziaria decisiva

Tra i firmatari della lettera aperta al Consiglio federale anche alcune figure ticinesi. Auspicata una task force per scovare i patrimoni degli oligarchi

Più di 100 operatori culturali svizzeri si sono rivolti in una lettera aperta al Consiglio federale con tre richieste riguardo all’invasione russa dell’Ucraina, chiedendo tra le altre "un’azione decisiva contro il finanziamento della guerra da parte della Svizzera".

"Il tempo di voltarsi dall’altra parte è finito - bisogna agire!" si legge nell’appello pubblicato stamane su Twitter dal regista Samir e collegato a un articolo corrispondente nei giornali del gruppo mediatico CH Media.

Nel loro "appello alla società civile", gli operatori culturali chiedono che il Consiglio federale crei una task force per scoprire le complesse strutture patrimoniali degli oligarchi russi sostenendo che "l’obbligo di segnalazione non basta".

Fra gli altri appelli lanciati, uno riguarda il commercio di materie prime russe, che non dovrebbe più continuare a fluire indisturbato attraverso la Svizzera e riempire i forzieri di guerra del capo di stato Vladimir Putin. Infine, la Svizzera deve diventare indipendente dal gas e dal petrolio russo il più rapidamente possibile. L’attacco del regime di Putin all’Ucraina sta uccidendo, ferendo, traumatizzando e allontanando milioni di persone dalla loro patria, indica ancora la lettera.

La Svizzera aveva fornito aiuti umanitari rapidamente e generosamente. "Tuttavia, pensiamo che sia sbagliato che ora stia attuando le sanzioni contro gli oligarchi vicini al Cremlino troppo timidamente". Tutto il resto è subordinato al buon funzionamento degli affari, criticano gli operatori culturali.

"Fate in modo che la Svizzera faccia tutto il possibile per prosciugare le reti di finanziamento del regime di Putin", continuano rivolgendosi ai consiglieri federali. "Ogni giorno nel quale non prendiamo un’azione decisiva contro il regime, più persone muoiono".

Fra i firmatari dell’appello ci sono anche alcune figure culturali della Svizzera italiana, tra cui i registi Fulvio Bernasconi, Niccolò Castelli e Olmo Cerri, l’autrice e regista Cristina Galbiati, i musicisti Zeno Gabaglio e Marco Zappa, lo scrittore e professore universitario Fabio Pusterla e lo scrittore e musicista Daniele Dell’Agnola.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale oligarchi operatori culturali russiaucraina sanzioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
23 min
Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone
L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
46 min
Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi
A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
56 min
69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie
In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
Svizzera
1 ora
Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-Covid
Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
1 ora
Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze
Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
2 ore
Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole
Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
2 ore
La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio
La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
2 ore
Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle
Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
3 ore
La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione
Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
4 ore
Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo
La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
© Regiopress, All rights reserved