laRegione
30.03.22 - 15:35

Clima, obbligo di rendiconto per le grandi aziende svizzere

Lo precisa un’ordinanza messa in consultazione dal Consiglio federale e che verrà attuata verosimilmente a partire dal prossimo anno

Ats, a cura de laRegione
clima-obbligo-di-rendiconto-per-le-grandi-aziende-svizzere
Keystone
Obbligo di rendiconto anche in ambito climatico per le grandi aziende svizzere

Berna – Le grandi aziende dovranno pubblicare il loro impatto ambientale e climatico dal 2023. Mercoledì il Consiglio federale ha messo in consultazione fino al 7 luglio un’ordinanza che li obbliga a pubblicare un rapporto in materia.

L’ordinanza – che sarà attuata verosimilmente dal 2023 – precisa gli obblighi di comunicazione sugli aspetti extra finanziari che sono stati introdotti nel quadro del controprogetto all’iniziativa popolare per imprese responsabili.

Solo per grandi aziende ‘di interesse pubblico’

Il testo dovrebbe affrontare l’impatto climatico dell’attività dell’azienda, comprese le sue emissioni di gas serra e gli obiettivi di riduzione. Dovrebbero essere incluse anche le questioni sociali, del personale, dei diritti umani e della lotta alla corruzione. Il rapporto dovrà rimanere disponibile al pubblico per almeno dieci anni.

Non tutte le aziende dovranno sottoporsi all’esercizio. Solo le ‘imprese di interesse pubblico’ sono toccate. Inoltre, devono avere almeno 500 dipendenti a tempo pieno e un bilancio di almeno 20 milioni di franchi, o un fatturato di almeno 40 milioni di franchi negli ultimi due anni (filiali svizzere o estere comprese).

Se un’azienda non redige alcun rapporto, dovrà essere in grado di soddisfare i suoi obblighi di rendiconto in altri modi. In caso contrario, è passibile di una multa fino a 100mila franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
16 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
17 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
20 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved