laRegione
30.03.22 - 11:48
Aggiornamento: 14:54

Task force e bilanci: ‘Migliorare cooperazione scienza-politica’

Il gruppo di esperti, che verrà sciolto domani, nel suo rapporto finale, chiede per il futuro una collaborazione più strutturata

Ats, a cura de laRegione
task-force-e-bilanci-migliorare-cooperazione-scienza-politica
Keystone

A due anni dall’inizio della pandemia di Covid-19 e nell’imminenza della sua dissoluzione, la Task force scientifica della Confederazione ha tracciato il bilancio della sua attività. Nel suo rapporto finale, chiede per il futuro una cooperazione più strutturata tra scienza e politica.

Dopo un inizio difficile, i vari comitati hanno collaborato in maniera stretta e costruttiva, si legge nel rapporto pubblicato ieri sera tardi su Twitter. Il documento, disponibile solo in tedesco, è scaricabile sul sito della Task force, sciencetaskforce.ch.

La valutazione dei vantaggi e degli svantaggi delle strategie di gestione della pandemia è stata centrale nel lavoro della Task force. Ciò comprendeva la valutazione dei rischi per la salute, l’economia e la società quando il virus circolava ampiamente, ma anche la necessità di convincere il pubblico dei benefici dei vaccini e delle maschere. L’organo consultivo ha anche contribuito a un rapido ed efficiente scambio di informazioni, sia a livello nazionale che internazionale.

Rispetto ad altri paesi, la Task force ha fatto in modo di riunire una vasta gamma di competenze. Si trattava di tener conto del fatto che la pandemia non è stata solo una grave crisi sanitaria, ma che ha avuto un impatto su tutti i settori della vita. Questo approccio interdisciplinare ha dimostrato di essere valido, si legge nel rapporto.

Tensione tra scienza e politica

In una situazione di crisi, è essenziale che un organo consultivo scientifico abbia una chiara comprensione del suo ruolo. La netta separazione tra il processo decisionale politico e la conoscenza scientifica è importante. "La scienza consiglia, la politica decide", indica il documento.

Tuttavia, la Task force riconosce che a volte è stato difficile presentare una valutazione scientifica delle misure in modo differenziato, senza difendere la propria opinione politica. Questo è stato il caso soprattutto quando il pubblico si aspettava una presa di posizione chiara.

Una struttura quadro per il futuro

L’ente propone di stabilire un quadro nazionale per la futura cooperazione tra politica e scienza. Ciò assicurerebbe qualità delle relazioni, fiducia, legittimità e scambio di dati e informazioni fin dal primo giorno di una crisi. Questa struttura dovrebbe essere istituita già al di fuori di periodi critici.

Per gli autori del rapporto si tratta anche di mettere le competenze scientifiche a disposizione di tutti i dipartimenti federali, piuttosto che solo di alcuni organismi o dipartimenti. Questo faciliterebbe la presentazione trasparente di tutti gli aspetti per chi deve poi prendere le decisioni.

La pandemia non è finita

Per quanto riguarda il coronavirus, sarà necessario continuare a monitorare l’evoluzione delle infezioni, le varianti in circolazione e l’immunità della popolazione nei prossimi dodici mesi, nota la Task force, ribadendo quanto affermato nella sua centesima e ultima conferenza stampa della scorsa settimana. L’organismo sarà sciolto domani 31 marzo.

Se emergessero nuove varianti o se l’immunità di gregge diminuisse, sarebbe necessario rispondere rapidamente attraverso la vaccinazione, misure o dispositivi ad hoc negli ospedali.

La pandemia di Covid-19 non è finita, conclude la Task force. Ma la fase acuta della crisi sì. Sta iniziando una nuova fase, in cui politica e responsabilità individuale diverranno centrali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
3 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
3 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
4 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
5 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
6 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
6 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
8 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
8 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
Svizzera
9 ore
Disoccupazione in lieve aumento a novembre
Aumento di un decimo di punto percentuale per un tasso che, comunque, resta pur sempre a un livello molto basso (da 1,9% a 2,0%)
© Regiopress, All rights reserved