laRegione
29.03.22 - 17:42
Aggiornamento: 18:09

Regolamentare i risarcimenti per le chiusure causa pandemia

L’iniziativa popolare ‘Per indennità regolamentate in caso di epidemia’ si propone di iscrivere il diritto al risarcimento nella Costituzione federale

Ats, a cura de laRegione
regolamentare-i-risarcimenti-per-le-chiusure-causa-pandemia
Keystone

Qualora aziende, imprese oppure artisti non possano lavorare a causa di un’epidemia dovrebbero essere risarciti. È l’obiettivo che si pongono i maggiori partiti e le associazioni economiche che vorrebbero iscrivere questo principio, mediante un’iniziativa popolare, nella Costituzione federale dopo le esperienze raccolte durante la pandemia di coronavirus.

Il comitato che ha lanciato l’iniziativa popolare "Per indennità regolamentate in caso di epidemia" ("Iniziativa sulle indennità"), pubblicata oggi nel Foglio federale, ha tempo fino al 29 settembre 2023 per raccogliere le 100mila firme necessarie per portare a termine l’iniziativa.

Tra le altre cose, l’iniziativa esige che sia pagato un risarcimento a chiunque sia significativamente danneggiato economicamente da una misura ufficiale temporanea a causa di un’epidemia. Di conseguenza, i costi correnti non coperti e la perdita di guadagno devono essere compensati.

Secondo il testo dell’iniziativa, l’indennizzo deve essere pagato dall’autorità che ha stabilito le misure restrittive. Il diritto al risarcimento è sussidiario ad altri diritti legali o contrattuali.

L’associazione di categoria Gastrosuisse aveva annunciato il lancio di un’iniziativa esattamente un anno fa. Nel farlo aveva criticato i provvedimenti adottati dal Consiglio federale e dai Cantoni per le aziende chiuse a causa del virus. In quel periodo, le attività dei ristoranti e di molte altre attività in tutto il Paese erano state sospese. La base legale per simili misure è la legge sulle epidemie.

All’epoca, il presidente di Gastrosuisse, Casimir Platzer, si era detto sollevato dal fatto che le autorità avessero stanziato dieci miliardi di franchi per venire in aiuto ai casi di rigore, ma aveva altresì criticato la lentezza dei risarcimenti concessi come anche le procedure, talvolta astruse, dei Cantoni. Inoltre, i contributi coprivano solo la metà dei costi fissi. Platzer se l’era presa con l’eccessiva burocrazia sostenendo che altri Paesi avevano fatto meglio della Svizzera: Austria e Germania, ad esempio, avevano deciso di abbassare l’IVA per il settore.

Nel comitato d’iniziativa sono rappresentati l’UDC, il PS, l’Alleanza del Centro, il PLR e i Verdi, così come associazioni economiche e culturali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
5 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
9 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
10 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
10 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
10 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
10 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
12 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
1 gior
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
© Regiopress, All rights reserved