laRegione
29.03.22 - 13:51
Aggiornamento: 14:49

Vaccinazione, se i genitori sono in disaccordo, decide l’Ufsp

Nel caso di un bimbo argoviese e del parere divergente di padre e madre, il Tribunale federale dà ragione all’alta corte cantonale

Ats, a cura de laRegione
vaccinazione-se-i-genitori-sono-in-disaccordo-decide-l-ufsp
Ti-Press
In caso di disaccordo, a fare stato sono le indicazioni dell’Ufsp

Nonostante non sia d’accordo, una madre che vive nel Canton Argovia deve far vaccinare il figlio in età prescolare. Il Tribunale federale (Tf) ha confermato una sentenza in questo senso emessa dall’alta corte argoviese. Padre e madre hanno l’autorità parentale congiunta e in caso di disaccordo vale la raccomandazione dell’Ufsp.

Su richiesta del padre, il tribunale della famiglia di Brugg (Ag) nel settembre 2021 aveva emesso una direttiva punibile penalmente perché la madre facesse vaccinare il figlio contro la difterite e il tetano, contro il morbillo, la parotite e la rosolia, e contro i pneumococchi. Il bambino di cinque anni vive con la madre. I genitori non sono sposati, ma hanno l’autorità parentale congiunta.

La madre ha fatto allora appello, senza successo, contro la direttiva presso l’alta corte argoviese. Se i genitori non sono d’accordo sulla vaccinazione del bambino, l’autorità di protezione dell’infanzia può essere chiamata a decidere al posto dei genitori, come indica la sentenza del tribunale cantonale.

L’autorità di protezione dei bambini si orienta alle raccomandazioni dell’Ufsp, da cui ci si può distanziare solo se la vaccinazione non è nel migliore interesse del bambino a causa delle circostanze speciali del caso concreto.

Secondo il Tf, che nella sentenza ha sostenuto la decisione di prima e seconda istanza, la madre ha affermato in modo generale che le vaccinazioni sono dannose e ha cercato di presentarlo come scientificamente provato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
7 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
9 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
12 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
14 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved