laRegione
la-maggioranza-chiede-sanzioni-piu-severe-contro-la-russia
Keystone
Più della metà degli intervistati ritiene che l’invasione dell’Ucraina avrà un impatto negativo sulla loro situazione finanziaria
28.03.22 - 08:41
Ats, a cura de laRegione

La maggioranza chiede sanzioni più severe contro la Russia

È quanto emerge da un sondaggio fra la popolazione svizzera. Il 57% si dice favorevole al congelamento totale dei beni degli oligarchi

La maggioranza degli svizzeri chiede sanzioni più severe contro la Russia e il congelamento totale dei fondi depositati in Svizzera dagli oligarchi. Lo indica un sondaggio dell’istituto Link pubblicato oggi.

Nel dettaglio, il 57% degli interrogati è favorevole al congelamento di tutti i beni in Svizzera detenuti da russi di alto rango e alleati del Governo. Una stessa proporzione è favorevole alla chiusura del mercato finanziario svizzero per le banche russe.

Il 56% domanda sanzioni più severe, anche se ciò potrebbe avere conseguenze sull’approvvigionamento energetico di petrolio e gas. Oltre la metà degli intervistati sosterrebbe tali provvedimenti, anche se comporterebbero un aumento significativo dei prezzi dell’energia o del costo della vita. Se implicherebbero un aumento delle imposte per i costi della difesa, il 58% invece non li vorrebbe. I giovani sono meno disposti a fare concessioni rispetto alle generazioni più anziane. Più della metà degli intervistati ritiene che l’invasione dell’Ucraina avrà un impatto negativo sulla loro situazione finanziaria.

Tra le nuove misure che potrebbero essere adottate, il controllo delle esportazioni in Russia di prodotti high-tech e di programmi informatici è ampiamente approvato. Un aumento del budget per la difesa è sostenuto dal 60% dei partecipanti al sondaggio.

Più generale, la maggioranza della popolazione approva le misure decise dal Consiglio federale e ritiene che le sanzioni finora adottate siano corrette. Ci sono invece divergenze sulle restrizioni ai visti per i cittadini russi: un quarto degli intervistati le ritiene eccessive, un quinto insufficienti. Quasi tre quarti degli intervistati sono a favore all’accoglienza dei rifugiati ucraini. Si dicono pronti ad accogliere alcune decine di migliaia in Svizzera. Il sondaggio mostra inoltre che per il 56% degli intervistati la Svizzera deve rimanere neutrale nei confronti della Russia e dell’Ucraina. Otto su dieci vorrebbero che la Confederazione assumesse un ruolo attivo di mediatore. Il 65% ritiene che Berna debba comunque applicare pienamente le sanzioni decise dall’Unione europea.

La maggioranza di tutte le categorie d’età è molto preoccupata per la situazione attuale. Quasi la metà (47%) ritiene probabile che la Russia possa ricorrere alle armi chimiche. Il 28% pensa che il presidente Vladimir Putin possa utilizzare anche ordigni nucleari.

Il sondaggio è stato realizzato in tutta la Svizzera dal 17 al 21 marzo tra oltre 1200 persone di età compresa tra 17 e 79 anni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
russiaucraina sanzioni svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
39 min
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
2 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
2 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
4 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
4 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
21 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
22 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
23 ore
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
1 gior
Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto
Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
© Regiopress, All rights reserved