laRegione
nel-2021-la-svizzera-ha-venduto-armi-per-740-milioni
Armi dipinte sui muri del Mudac di Losanna (Keystone)
25.03.22 - 20:27
Aggiornamento: 21:10
Ats, a cura de laRegione

Nel 2021 la Svizzera ha venduto armi per 740 milioni

La flessione rispetto al 2020, anno record, è del 18%. Tra gi acquirenti ben 67 Paesi: i maggiori clienti sono Germania, Danimarca e Usa

L’anno scorso, con l’approvazione della Confederazione, le imprese svizzere hanno esportato materiale bellico per un valore di 740 milioni di franchi in 67 Paesi. Rispetto al 2020, anno record, si tratta di una flessione di circa il 18%.

Il valore delle esportazioni nel 2021 corrisponde a una quota dello 0,2% del totale delle esportazioni di merci dell’economia svizzera, come indicano le statistiche presentate oggi ai media dalla Segreteria di Stato dell’economia (Seco).

I clienti principali

I due principali clienti dell’industria elvetica, al pari del 2020, sono stati la Germania (123 milioni) e la Danimarca (96 milioni). Seguono, nell’ordine, gli Stati Uniti (90 milioni), la Romania (87 milioni) e il Botswana (64 milioni).

Il 65% delle esportazioni ha preso la strada dell’Europa. Le esportazioni verso l’Asia hanno rappresentato l’11%. L’Africa ha assorbito il 10% delle esportazioni. Il 13% dell’export è andato nelle Americhe e l’1% in Australia. Tra i prodotti maggiormente richiesti figurano veicoli blindati (40%) e munizioni (25%).

In Medio Oriente, è stato spedito materiale per un valore di 51 milioni all’Arabia Saudita, paese coinvolto nello Yemen in una guerra sanguinosa. Anche gli Emirati Arabi Uniti, che partecipano alle ostilità accanto ai Sauditi, hanno acquistato materiale da aziende elvetiche per circa 6 milioni.

Secondo le statistiche, le esportazioni di beni militari speciali sono aumentate. Tra questi beni figurano telemetri, attrezzature per la visione notturna, attrezzature per la registrazione di immagini termiche e attrezzature protettive. Il valore totale di queste esportazioni è stato di 58 milioni nell’anno sotto esame, rispetto ai 45 milioni del 2020.

Export armi leggere

Anche le esportazioni di armi leggere e di piccolo calibro sono state significativamente più elevate nel 2021. La Confederazione ha registrato esportazioni di 47.282 pezzi l’anno scorso, rispetto ai 35.469 dell’anno precedente. I principali clienti erano commercianti di armi stranieri e aziende industriali.

Nel 2021, la Confederazione ha respinto solo tre delle oltre 2500 richieste di esportazione, mentre un centinaio di altre domande sono state sottoposte a chiarimenti più approfonditi.

In 32 casi, gli esportatori hanno chiesto se un’autorizzazione poteva essere concessa per un acquirente residente in un paese specifico. Secondo la Seco, in nove casi la riposta è stata negativa. I motivi? Il paese di destinazione era coinvolto in un conflitto o sussisteva la minaccia di violazioni sistematiche e gravi dei diritti umani.

Secondo il Gruppo per una Svizzera senza esercito (Gsoa), è problematico che tra gli Stati beneficiari delle armi svizzere ci siano comunque Stati in guerra con una situazione dei diritti umani molto problematica. A loro avviso, esportando materiale bellico in determinati paesi la Svizzera si rende complice di gravi violazioni dei diritti umani.

L’anno scorso, il parlamento ha approvato un controprogetto all’iniziativa popolare contro l’esportazione di armi verso paesi coinvolti in una guerra civile (iniziativa correttiva). In futuro, sarà vietato esportare materiale bellico verso paesi che violano sistematicamente e gravemente i diritti umani. I criteri di approvazione per l’export di armi sono ora ancorati nella legge. Il Consiglio federale non potrà più approvare di propria iniziativa l’export di armi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi diritti umani esportazioni export guerra record russiaucraina svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 min
Produzione e fatturato in crescita per il settore secondario
L’incremento è stato del 4,1% rispettivamente del 9,5%. Prosegue il trend positivo ininterrotto dal primo trimestre del 2021
Svizzera
2 ore
Votazioni federali, maggioranza a favore della riforma Avs
Verso due chiari ‘sì’ (meno scontato per l’imposta preventiva) e uno più risicato per lo stop allevamento intensivo
Svizzera
14 ore
In azione la prima fresa nella seconda canna del Gottardo
La cosiddetta ‘fresatrice meccanica a sezione piena’ scaverà nei prossimi mesi il cunicolo di accesso verso la zona di faglia settentrionale
Svizzera
15 ore
Cancellato il Salone dell’Auto di Ginevra del 2023
Gli organizzatori motivano la decisione con le incertezze dell’economia globale e della geopolitica
Svizzera
15 ore
Locale ‘no Covid pass’ chiuso, il Cantone ha agito correttamente
Respinto dal Tribunale cantonale il ricorso dei gerenti del Walliserkanne di Zermatt, chiuso per il rifiuto di controllare il certificato Covid ai clienti
Svizzera
17 ore
I paradisi per pensionati svizzeri? Canada e Australia
La maggior parte degli svizzeri trascorre in patria la propria pensione, ma alcuni sono attratti da altri Paesi per godersi il meritato riposo
Svizzera
18 ore
Rissa fra tifosi di Young Boys e Anderlecht, feriti e danni
La lite è avvenuta davanti a un bar nella Kornhausplatz di Berna. Durante la zuffa, i mobili dell’esercizio pubblico sono stati danneggiati
Svizzera
18 ore
Bimba di 4 anni morta dopo essere caduta dal balcone
L’incidente è avvenuto stamane attorno alle 8.30 a Vernier (Ge). Vani i soccorsi: la piccola è morta sul posto
Svizzera
18 ore
Locarnese, Basilea e Vaud sotto i nubifragi
A Locarno il record di precipitazioni con 89 millimetri, in altre località del Verbano misurati 56 mm. A Basilea acqua nelle sale della Fondazione Beyeler
Svizzera
19 ore
69enne ucciso a Lauterbrunnen, arrestata la moglie
In una nota, la Polizia cantonale indica di aver ricevuto una segnalazione verso le 20.15, secondo la quale una donna aveva ferito mortalmente un uomo
© Regiopress, All rights reserved